Alfiere dell’Impegno Civile, al vescovo Nogaro il premio

Alfiere dell’Impegno Civile, al vescovo Nogaro il premio

-Nel giorno della Vigilia di Natale è stato consegnato a monsignor Raffaele Nogaro, Vescovo Emerito di Caserta, il Premio civico di «Alfiere dell’Impegno Civile» promosso da «Generazione Libera», l’associazione guidata da Mimmo Rosario Laudato, con il sostegno e il patrocinio del Csv Assovoce, le Acli Caserta, Libera Caserta e un Borgo di Libri. La manifestazione è di grande respiro e ha avuto tra i suoi vincitori personaggi di rilievo nazionale come il giornalista Sandro Ruotolo o il Garante delle persone private della libertà Samuele Ciambriello. La cerimonia di premiazione si tenne lo scorso sei novembre nel «Teatro del Buon Pastore» di piazza Pitesti a Caserta, ma monsignor Nogaro, visto l’ora tarda, non poté partecipare. Il premio perciò gli è stato consegnato alla vigilia di Natale per il suo evidente valore simbolico. «Non voglio Premi –  aveva detto monsignor Nogaro al presidente di Generazione Libera quando lo aveva contattato la prima volta – sono solo un povero prete, una persona come altre e poi non ho più ruoli pubblici da tempo». «Padre Nogaro – aveva replicato Laudato – questo premio è proprio per lei, per tutto quello che ha donato a Caserta e ora che non fa più vita pubblica è il momento giusto per consegnarlo». Il Premio dell’Alfiere dell’impegno civile è un lume costruito con gli scarti delle bici non più utilizzabili del laboratorio di riparazioni di Generazione Libera, fatto a mano dai detenuti ed ex detenuti in prova nell’associazione, che si occupa del loro recupero. L’associazione ha da poco acquistato anche un immobile destinato a diventare casa di accoglienza per le persone fragili, in particolare i detenuti ed ex detenuti, per favorirne l’attività di recupero e integrazione sociale.

Comunicato stampa

About author

You might also like

Primo piano

A tutta birra! Dalla mozzarella DOP nasce la milk stout Bubala

Maria Beatrice Crisci – La Campania Felix ha risorse agroalimentari non ancora del tutto esplorate. E anche quando rappresentano un punto fermo dell’economia territoriale, come la mozzarella di bufala campana DOP

Primo piano

Giano Vetusto. Birra e maialino nero. E’ qui la festa

Continua la tradizione a Giano Vetusto, dal 12 al 17 con la Tredicesima Edizione della Festa della birra e quinta sagra del maialino nero casertano. Con l’edizione di quest’anno l’evento,

Spettacolo

A Portici, tra mare e Vesuvio, tra chitarra e piano

(Pietro Battarra) – Al Cieddi di Portici, tra mare e Vesuvio, venerdì 10 marzo, alle ore 21.30, il concerto “One4Two Groove” con il Piano & Guitar Duo, vale a dire Antonio