Alla Parthenope a ragionar dell’amore e di altri demoni

Alla Parthenope a ragionar dell’amore e di altri demoni

(Mario Caldara) – L’amore. Una parola così piccola che racchiude un mondo sconfinato, complesso, pieno di sfumature. L’amore. Se si volesse dare una definizione unica, che dia pienamente l’idea di cosa sia davvero l’amore, sarebbe con ogni probabilità più facile scalare una montagna in condizioni impossibili. L’amore, quello sano, è identificabile in tante cose, che, agli occhi di ognuno di noi, possono apparire in modi differenti e personali. L’amore è uno sguardo, è ridere insieme, è un bacio inaspettato, è spogliarsi di quell’abito di diffidenza di cui ci si veste, è paura, è voler leggere l’anima dell’altro, è rischio, formazione, crescita. L’amore è tutto questo e molto di più. Uno dei sentimenti più radicati nell’essere umano, ciò con cui quest’ultimo convive quotidianamente e di cui spesso ha più paura. Una grande contraddizione, dettata dalle emozioni che, in quanto tali, sono causa di una profonda instabilità dell’animo umano. E, in fondo, è così: quando si ama, almeno agli inizi, nemmeno ci si rende conto di ciò che sta accadendo, ci si sente instabili, insicuri, investiti di una forza nuova che solo col tempo troverà una sua identità. Insomma, l’amore ha mille e più sfaccettature. Non è scontato, non è mai uguale, non segue canoni, non ha regole. Proprio per questo, proprio perché va contro qualsiasi tipo di schema, non ci si dovrebbe meravigliare dinanzi al fatto che sia oggetto di studi approfonditi. All’Università Parthenope di Napoli il 25 gennaio nella sede di via Acton si rifletterà sull’amore, se ne parlerà per avvicinarsi – verbalmente – al suo concetto, alla sua essenza. “Ragionar d’amore”, il titolo eloquente dell’evento, propone una sfida davanti a sé: tentare di analizzare con raziocinio l’irrazionale. Esiste un modo per imparare o re-imparare ad amare? Come affrontare le diverse facce con cui l’amore si presenta durante le varie fasi della vita? Come affrontare un nuovo cammino amoroso o la rottura di una storia passata? E cosa si può dire di quelle storie “velenose”, quelle che consumano o che, addirittura, portano a tragedie? Grazie al contributo di esperti (intellettuali, scrittori, scienziati, giuristi), si svilupperanno riflessioni culturali ed educative, tendenti ad aumentare consapevolezza di sé e di ciò che si ha intorno, a saper amare se stessi prima ancora che qualcun altro, a cercare un antidoto concreto al degenerare di certe relazioni, che d’amore non hanno nulla, al sessismo, all’autodistruzione e a uno dei mali contro cui si sta cercando di sensibilizzare la gente, il femminicidio. L’evento sarà introdotto da Maria Luisa Iavarone e proseguirà con diverse letture (tratte da La biochimica dell’amore, Terapia di coppia per amanti e L’amore è eterno finché non risponde) e con interventi di esperti (il professor Raffaele Porta, lo scrittore, giornalista e sceneggiatore Diego de Silva, la scrittrice e avvocato Ester Viola). Al dibattito parteciperanno anche Franco Salvatore, Alba de Felice, Francesca Marone, Dario Luongo, Raffaele Felaco. Non mancherà l’accompagnamento musicale (Tsvetanka Asatryan al violino, Tina Pugliese al violoncello), che saprà senz’altro evocare ricordi d’amore, rendendo dolce l’atmosfera, come solo gli strumenti ad arco sanno fare.

“E se l’amore bussasse alla porta, sporco e irriconoscibile, avresti il coraggio di farlo entrare?”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9784 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

A Caserta l’estate è da re, c’è un Donizetti giocoso nell’Aperia

Enzo Battarra – Anche il barocco ha un suo rigore. E la dimostrazione è proprio il complesso monumentale della Reggia di Caserta. Qui regna sovrana, è il caso di dire,

Comunicati

La Reggia Outlet. Pronta la seconda edizione della JoyRun

(Comunicato stampa) -Tutto pronto per la seconda edizione campana della JoyRun, la competizione podistica nazionale ideata dai centri McArthurGlen in Italia, in programma il prossimo 12 maggio a Caserta. Grazie all’iniziativa del

Attualità

Reggia, l’assessora Petrillo pronta a confrontarsi con Lampis

Maria Beatrice Crisci – “Auguri di buon lavoro, come amministrazione e come neo delegata siamo pronti a confrontarci con lui perché la Reggia non è e non deve essere elemento