Alla scoperta del Caucaso. Dai colori alla musica, ai sapori

Alla scoperta del Caucaso. Dai colori alla musica, ai sapori

“La nostra Università ha stabilito già da alcuni anni un rapporto privilegiato con l’università linguistica statale di Pjatigorsk, nel Caucaso del Nord. La collaborazione è iniziata con uno scambio di studenti, è poi maturata con l’istituzione di doppi titoli e con la creazione a Pjatigorsk di un centro di lingua italiana e di un centro di lingua russa a Santa Maria Capua Vetere”. A darne notizia è la prorettrice alla Cultura dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” Rosanna Cioffi ai microfoni di Ondawebtv, raccontando dell’evento in programma per venerdì 9 dicembre al Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere. La manifestazione ha il titolo “Stasera come nel Caucaso. Colori, musica, sapori, tradizioni, opportunità”, un happening per promuovere la conoscenza e la collaborazione tra l’Italia e la regione del Caucaso. L’intenso pomeriggio si concluderá con una cena russa al ristorante Amico Bio Spartacus Arena. “Questa feconda esperienza didattica – spiega la professoressa Cioffi – ha generato, come auspicata ricaduta, una serie di collegamenti accademici e umani tra la Campania e il Caucaso e ha portato alla scoperta di intriganti affinità e potenziali occasioni per ulteriori collaborazioni in ambito culturale, economico e turistico. E per incrementare questo scambio è nato il centro bilingua di cultura russa “Puskin”, unico in tutta l’Italia. E’ questa una eccellenza della nostra Università e naturalmente si trova nel Dipartimento di Lettere e Beni Culturali. Qui si svolgono corsi in lingua russa aperti anche al territorio”. La professoressa Cioffi poi insiste: “Oggi non basta sapere solo l’inglese, bisogna conoscere molte altre lingue. I nostri studenti che sono andati nel Caucaso hanno imparato altre lingue, hanno fatto esperienze internazionali a contatto con studenti di tutto il mondo, e hanno acquisito competenze non solo nel campo delle lingue, ma anche del turismo e dei rapporti internazionali”. La professoressa Cioffi poi aggiunge: “Il Caucaso è una terra ricca di opportunità anche per imprenditori locali che vogliono aprirsi a mercati internazionali. Tutto questo viene fatto nell’ambito della cosiddetta terza missione. Ovvero la capacità da parte dell’Università di stimolare il territorio e le sue forze migliori per creare opportunità professionali e lavorative. In questa iniziativa – conclude – ci ha affiancato anche il sindaco di Santa Maria Capua Vetere. Ci sarà dunque un bell’evento internazionale di cui si fa promotrice l’Università in una dimensione in cui, mi piace sottolineare, anche il cibo è cultura”. 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9779 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

HortiCultura, baby giardinieri crescono all’ombra della Reggia

“Questo luogo è magico. Nel percorrere i suoi spazi vi trasformerete: all’inizio sarete principesse e principi, poi custodi e infine giardinieri. A voi conservatori del mondo affidiamo questa bellezza”. Con queste parole, stamattina,

Primo piano

Dolore sotto chiave/Sik Sik, Carlo Cecchi al Teatro Comunale

Claudio Sacco -Carlo Cecchi porta in scena “Dolore sotto chiave/Sik Sik l’artefice magico” di Eduardo De Filippo, al Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta. Appuntamento da venerdì 25 a domenica

Primo piano

Tallioo, e ora tutti a tavola! Fofò Ferriere ci mette il cuore

(Enzo Battarra) . “Tally-ho“, la volpe è stata avvistata! Lo gridano i cavalieri inglesi quando la preda è a tiro. Tallioo è il nome che il mitico Fofò Ferriere scelse