Alterum, salotto letterario con Anna Copertino. Per ricordare

Alterum, salotto letterario con Anna Copertino. Per ricordare

Claudio Sacco

– “A pochi giorni daalterum 2lla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che ricorre il 25 novembre, abbiamo pensato di soffermarci con particolare attenzione alle figure femminili che sono state strappate all’affetto dei propri cari nella maniera più atroce e violenta, lasciando un profondo dolore che diviene difficilissimo sanare. L’intenzione è stata quella di ricordare le donne, le madri, le figlie, le sorelle che sono state uccise due volte. Vittime di camorra ma anche vittime di femminicidio per la barbarie usata». Così la giornalista Anna Copertino, autrice del volume «Un giorno per la memoria» in occasione del secondo incontro di presentazione del libro. L’iniziativa si è tenuta nel salotto letterario Alterum a San Nicola la Strada. A organizzarlo Titti D’Abbraccio. Un incontro in memoria di vittime innocenti di mafie, camorra e ndrangheta. Ventotto vittime per ventotto racconti, storie affidate a diversi autori. Con Anna Copertino, giornalista e scrittalterum 1rice, l’assessore Maria Natale, Angela Procaccini, madre di Simonetta Lamberti, Giuseppe Iaculo, psicologo e scrittore, Francesco Clemente figlio di Silvia Ruotolo.  Il volume, che porta l’introduzione a cura del presidente dell’Anac Raffaele Cantone e la prefazione dello scrittore Maurizio de Giovanni, è nato per la memoria delle vittime della criminalità, per rompere silenzi nei confronti delle morti ingiuste e impossibili da accettare, sia da parte delle famiglie che della collettività. Uomini e donne uccisi senza motivo, estranei a ogni tipo di legame con il sistema o il malaffare. Morti che vengono definite “uno scambio di persona”, azzardando l’ipotesi assurda dell’errore umano. Ma sempre di criminali si tratta. “Un libro – ha sottolineato il dottor Iaculo – coraggioso e necessario, di impegno civile e etico, che restituisce, attraverso le parole della memoria, il potere trasformativo della narrazione, la valorizzazione dell’esperienza fondante dell’essere in relazione, sensi e consistenza nel qui ed ora a vite spezzate, facendole vibrare di incessante presenza”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7328 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo 0 Comments

Che favola! Da Brillante Massaro il nono racconto meraviglioso

Maria Beatrice Crisci – E’ online il nono de «I racconti Meravigliosi». Brillante Massaro legge “Comme rinte a nu curtiglio ‘ncimme addò nuie” da fiabe e racconti popolari a cura

Attualità 0 Comments

Salto ostacoli alla Reggia, ma è per il concorso ippico!

La cinquantacinquesima edizione del concorso ippico internazionale “Coppa d’Oro Città di Caserta” è prevista dal 13 al 16 ottobre nel parco della reggia vanvitelliana ed è organizzata dalla Asd San Giorgio

Primo piano 0 Comments

Foibe, nel giorno del ricordo cerimonia in Prefettura a Caserta

Claudio Sacco -Si celebra oggi il “Giorno del Ricordo”. L’obiettivo è quello di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle Foibe. Un

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply