Andare alla Reggia e tornare con la medaglia! Ora è possibile

Andare alla Reggia e tornare con la medaglia! Ora è possibile

Luigi Fusco

– I visitatori della Reggia di Caserta potranno portare via con sé un ricordo del “cuore” della sua bellezza monumentale grazie all’iniziativa promossa dalla direzione. Al termine del percorso di visita degli appartamenti storici, i turisti troveranno, difatti, un singolare distributore che consentirà l’acquisto della riproduzione medaglia commemorativa che Carlo di Borbone fece coniare in occasione della posa della prima pietra del palazzo, avvenuta il 20 di gennaio del 1752. La “moneta celebrativa” casertana è stata realizzata sul modello in cera conservato presso il Museo della Certosa di San Martino a Napoli. L’originale venne commissionato dal patriarca della dinastia borbonica a Vanvitelli in persona. Nel corso dell’inaugurazione dei lavori del plesso, la cui memoria è impressa nell’affresco postumo di Gennaro Maldarelli visibile nella volta della Sala del Trono, il sovrano insieme alla regina, Maria Amalia di Sassonia, decisero, come gesto augurale, di gettare nello scavo delle fondamenta molti medaglioni d’oro, d’argento e di metallo. Sul recto del monile vi sono ritratti i due sovrani, mentre sul verso è raffigurato il prospetto della Reggia. Ogni medaglia è, inoltre, confezionata in una capsula trasparente che ne consente la conservazione. La macchina erogatrice è stata collocata alle spalle della scultura della Maestà Regia, in corrispondenza lineare con il Vestibolo inferiore, punto dove, presumibilmente, Carlo e Maria Amalia posero le medaglie, cioè nel “cuore” del palazzo. Il servizio di distribuzione delle medaglie commemorative è stato affidato alla società Phom Comunicazione.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 220 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Ferragosto è la festa dell’Assunta. I riti a Falciano

Maria Beatrice Crisci – Non va dimenticato che il Ferragosto è in realtà una festività religiosa, il cui nome nasce dalla festa romana Feriae Augusti, istituita nell’8 a.C. per la celebrazione

Primo piano

Marcianise. Cultura del verde e passione a Palazzo Tartaglione

Pietro Battarra – Giardino Amore Mio è l’ incontro di promozione della cultura del verde che ormai per il secondo anno torna a Marcianise. L’evento è in programma per sabato 7

Cultura

Denti Ridenti. Riardo, il docufilm del fantasiologo Carrese

Pietro Battarra  – A Riardo sabato 29 settembre alle 17,30 presso la Sala Consiliare, l’Associazione Omnia ospita la proiezione di Denti Ridenti (Ngurzu Edizioni 2018), il documentario del fantasiologo Massimo Gerardo Carrese, studioso

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply