Aranciomare, fruscii di seta nel romanzo di Antonella Palmieri

Aranciomare, fruscii di seta nel romanzo di Antonella Palmieri

Terra Somnia Editore, la casa editrice indipendente, costituita lungo l’asse culturale Salento – Caserta – Napoli, ospita, nella collana Frontiere, dedicata alla narrativa, il nuovo romanzo di Antonella Palmieri e continua il suo viaggio tra le parole e le loro imprevedibili architetture di senso. Dopo le prime due esperienze editoriali di “Istanze poetiche” (una raccolta in liberi versi di Alessia Guerriero e Paolo Miggiano, illustrata da Arianna e Oreste Montinaro) ed “Ekatomére. Storie tra Decameron e pandemia” (trentaquattro autori novellano sulla pandemia da Covid19), arriva “Aranciomare”;  «femminile, singolare» sarebbe, per il libro, un sottotitolo appropriato, perché esplora una femminilità inattesa e complessa, esposta al confronto leggero e, però, cruciale, con i temi del tempo, della seduzione, delle differenze del sentire e dell’essere.

Un romanzo breve di formazione, se per formazione si intende l’esplorazione di sé attraverso l’incontro con l’altro e la memoria di chi siamo stati nel tempo. Lei ha imparato a cucire l’invisibile: dietro le sete, le organze e i velluti vive una sensibilità potente e una esperienza di vita che conserva intatta tutta la sua freschezza. Lui le si avvicina per caso e per curiosità: è l’inizio di una storia di seduzione che non porta tra le lenzuola, ma scivola tra le parole, i pensieri e i giorni di un agosto afoso che riconnette ciascuno alla propria intima vocazione.

Dentro la differenza di età tra i due si intravede la trama di un nuovo e complesso ordito di sentimenti. Il piano della narrazione del passato di lei si interseca con quello del loro presente senza soluzione di continuità e genera un nuovo tempo. Del desiderio.  

Antonella Palmieri, architetto, vive e lavora a Napoli dove svolge la sua attività prevalentemente nel campo del restauro architettonico e ambientale. L’’interesse per la letteratura italiana ed europea l’ha portata nel tempo alla riduzione e all’adattamento di classici per spettacoli teatrali e musicali. Ha scritto per il Mibact la favola “Il respiro del bosco”, da cui è stato tratto l’omonimo musical per bambini. Nel 2007 per L’Erudita ha pubblicato il romanzo “Zigomi alti come scogli”.

Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7911 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura 0 Comments

Le giovani promesse della scrittura al Settembre al Borgo

Marco Cutillo – «Il Sud non è magia, il Sud è una terra concreta e logica». Luigi Ferraiuolo curatore della sezione letteraria del Settembre al Borgo, “Il Sud non è

Attualità 0 Comments

Grazie col cuore, un omaggio ai volontari dell’hub vaccinale

Claudio Sacco -Manufatti a forma di cuore per i volontari del centro vaccinale della Caserma Ferrari Orsi di Caserta. L’iniziativa è dell’associazione “Grazie col cuore” di cui è referente per

Primo piano 0 Comments

Da Mosca a Roma. L’arte spagnola in mostra al Cervantes

Claudio Sacco – E’ per domani alle 18,30 a Roma  il vernissage della mostra dedicata all’arte spagnola degli anni Cinquanta e Sessanta, dal titolo “La poética entre abstracción y figuración”. Per l’occasione

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply