Aspettando Sasà nel week-end al CTS di Caserta

Aspettando Sasà nel week-end al CTS di Caserta

Al Cts è già Natale, di fatto dopo il teatro classico d’autore, al Piccolo Teatro Cts di via Louis Pasteur a Caserta (zona Centurano), torna il teatro comico brillante napoletano; previsto per questo fine settimana (sabato ore 21 e domenica ore 19) con lo spettacolo Aspettando Sasà di Antonietta Barcellona e Vincenzo Bisogno, per la regia della stessa Bisogno.

In scena ci saranno Antonietta Bisogno, Danilo Napoli, Carlo Cutolo e Gaetano Troiano. Questa la sinossi: Napoli, giorni nostri, vigilia di Natale. In casa di Lilly, giovane e belloccia mantenuta, è tutto pronto per l’arrivo del suo amante Sasà, imprenditore edile sposato con figli. Nulla manca: dal capitone arrostito alla tradizionale cascata di struffoli coi canditi. Alla porta, invece dell’uomo atteso, si presenta Amir Assam Ayesh, immigrato arabo che da poco abita al piano superiore, venuto a protestare per una serie di fastidi che riceve, involontariamente, dalla ragazza. L’incontro fra i due, attraverso le divertentissime vicissitudini che ne seguiranno, rappresenterà un momento di scontro e di confronto fra sessi, culture e religioni completamente diversi, ma anche lo spunto per considerare come “l’altro” a volte, siamo noi e quanto, spesso, a dividerci siano i pregiudizi e i luoghi comuni. Una valanga di brio per importanti temi d’attualità in una commedia brillante dai toni esilaranti!

Come mai Aspettando Sasà? Ecco la risposta: “L’idea nasce direttamente dal cuore, e da quella curiosità quasi infantile che ci ha sempre spinti a cercare i confini del sociale e dell’umano: da una parte la necessità di trovare una storia, allo stesso tempo realistica e metaforica che possa narrare il rapporto tra individuo e identità culturale, e che tende a creare sempre più occasioni di contaminazione; dall’altra la voglia di scoprire il velo sull’infondatezza di pregiudizi e luoghi comuni che condizionano anche la città più interculturale del mondo: Napoli. A volte sfatandoli e mettendoli in ironia, altre volte sottolineando quella punta di verità che, in un modo o nell’altro, li genera. In ogni caso ci sarà da ridere, anche perché nonostante tutte le estensioni tecnologiche e i mezzi di comunicazione di cui disponiamo, non c’è nulla che ci fa intendere davvero come uno sguardo e un gran sorriso.

E queste la nota della regista: “Ho il vantaggio/responsabilit, in questo spettacolo di ricoprire la “trinità” dei ruoli: autrice-attrice-regista. Grande è l’impegno dunque, a partire dalla scrittura, che tocca temi di un’attualità cocente (l’immigrazione, il mondo arabo, il pregiudizio) cercando di tirare fuori “tutto” e riderci intelligentemente su con grande rispetto; passando per l’interpretazione, che sia convincente e piena per un personaggio in continua evoluzione; arrivando alla regia, che riesca a rendere ogni sfumatura di senso possibile e dia equilibrio all’intero sistema. Il testo, che presenta sia comicità di situazione che di parola, propone anche molti spunti di riflessione; ma tiene impegnato il pubblico offrendogli motivo e gusto di ridere continuamente, e lanciandogli messaggi che è libero di raccogliere quando vuole, se vuole. La messa in scena è semplice, simpatica, giovanile, dinamica. La sua forma lineare non nasconde l’ambizione e sottolinea al contempo la freschezza dell’intera composizione”.

Dunque, questo appuntamento si presenta con tanto divertimento, garantito soprattutto dalla comicità classica napoletana.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

A Caserta le gioie che fanno moda, cocktail event al NidaBar

Maria Beatrice Crisci – Il bello della moda incontra il bello dei gioielli. L‘appuntamento è per giovedì 8 febbraio alle ore 18,30. In perfetto stile loft milanese con terrazza panoramica

Primo piano 0 Comments

Pmi Day 2017, i giovani alla scoperta delle aziende casertane

Maria Beatrice Crisci – “E’ questo un evento nazionale voluto fortemente dal presidente di Piccola Industria di Confindustria Alberto Baban allo scopo di far comprendere ai ragazzi delle scuole medie e

Comunicati 0 Comments

Musica & teatro, il Centro Hecate apre con “IntrattieniMenti”

Apertura in grande stile per il centro Hecate, polo culturale del territorio di Casagiove. L’associazione, che nel tempo ha ospitato  artisti, pittori, scrittori come Valeria Parrella ma anche la poetessa

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply