Bando di Invitalia, nuovi spazi per l’arte e il design alla Reggia

Bando di Invitalia, nuovi spazi per l’arte e il design alla Reggia

Luigi Fusco

Invitalia ha pubblicato il bando di gara per la progettazione integrata di “Reggia in arte e design”. L’iniziativa è stata attivata nell’ambito del Piano Strategico “Grandi progetti beni culturali”, in cui il plesso vanvitelliano è riuscito ad ottenere un finanziamento di 5.200.000 euro per la creazione di nuovi spazi destinati alla fruizione delle sue intrinseche peculiarità artistiche e culturali. L’intervento, la cui vocazione risponde ai principi dell’Universal Design, è compreso nelle attuali strategie di promozione e rilancio dell’istituto museale casertano, sostenute da Agenda 2030, e si inserisce appieno nella dimensione produttiva maggiormente legata alla sperimentazione e all’accoglienza già insita nella natura dello stesso complesso borbonico.

La Reggia, difatti, intende avviare una nuova esperienza di tipo culturale ispirata alla sostenibilità in tutte le sue fasi, dall’ideazione del progetto architettonico fino alla strutturazione delle modalità di impiego e di gestione degli spazi. L’obiettivo è dar vita ad una sorta di hub culturale, un luogo del design e della creatività, dove architetti, studenti, scienziati, ingegneri e designer potranno condurre le loro attività nel rispetto dei principi della sostenibilità, dell’inclusione e dell’estetica. Pertanto, lo scopo è la realizzazione di ambienti che siano flessibili e all’avanguardia, ma che, soprattutto, mettano insieme la magnificenza del palazzo con le risorse e le potenzialità dell’estetica contemporanea.

​L’istituzione del nuovo polo culturale, in accordo con gli obiettivi che stanno alla base del riconoscimento Unesco della Reggia, dovrà anche essere in linea con i principi di salvaguardia e di valorizzazione della tradizione produttiva del territorio, quindi dovranno collegarsi, senza ombra di dubbio, al Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio e alle sue storiche manifatture seriche.

Al riguardo, fondamentale sarà il sostegno alla competitività delle micro e medie imprese della filiera cultura e creativa, favorendo il consolidamento dei sistemi imprenditoriali caratterizzati dalla matrice culturale e valorizzando l’identità produttiva dei siti riali borbonici.

La nuova progettazione avrà come oggetto due ambiti di intervento: l’ex Convento dei Passionisti, sito nel Bosco vecchio del Parco Reale, e gli ambienti posti lungo il corridoio che collega il Vestibolo inferiore al Teatro di Corte.

Il bando di gara è disponibile sulla piattaforma di Invitalia al seguente link: 

https://ingate.invitalia.it/esop/guest/go/opportunity/detail?opportunityId=5883

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 1086 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Ecco al PAN i sei personaggi in cerca di Imperatore e Gerla

Totore, ventenne napoletano, causa un rocambolesco incidente automobilistico in cui restano coinvolte sei persone. Poi sparisce. Dov’è finito? Perché è fuggito? E soprattutto, quali misteri si nascondono dietro il suo

Primo piano

From Caserta, presentato il primo festival diffuso in città

Maria Beatrice Crisci – «Il nostro è un festival esperienziale diffuso, realizzato attraverso la collaborazione tra tantissime realtà territoriali e istituzionali che con passione e coraggio promuovono da anni cultura,

Attualità

Giornata Mondiale dell’Alimentazione. La Vanvitelli in campo

Claudio Sacco  – L’Università Vanvitelli celebra domani mercoledì 16 ottobre la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, giunta alla 74esima edizione. Il Dipartimento di Scienze e tecnologie ambientali, in via Vivaldi, ha infatti