Basilica di Sant’Angelo in Formis, l’Unesco sempre più vicino

Basilica di Sant’Angelo in Formis, l’Unesco sempre più vicino

Tiziana Barrella

-Fra i monumenti italiani che suscitano un elevato interesse per la straordinaria presenza di opere d’arte paretarie, pavimentali e per tutta la struttura architettonica in genere, la medioevale basilica di Sant’Angelo in Formis, facente parte della lega dell’associazione delle abbazie benedettine, è  candidata ad entrare nel patrimonio mondiale dell’Unesco. E’ uno dei siti religiosi e artistici campani secolari che conservano straordinarie testimonianze dei tempi che furono. La sua struttura sorge sulle antiche rovine del tempio di Diana e presenta sulle pareti della navata centrale e su quelle delle due laterali una vera e propria riproduzione artistica della storia sacra. Attraverso gli affreschi  risalenti all’XI e XII secolo, vi è una sorta di vero e proprio “manoscritto” che traduce in immagini il sacro libro della Bibbia. 

Le immagini arrivano in modo rapido e veloce, coinvolgono i sensi e consentono di comprendere in modo autentico le esperienze che il Sacro Testo intende trasmettere; ancora oggi dopo secoli e nonostante l’alfabetizzazione, le decorazioni pittoriche non hanno perso il loro scopo originario ed il loro grande impatto scenografico, riesce sempre a coinvolgere le masse. L’evento di pregio tenutosi presso la Chiesa di Sant’Angelo in Formis, patrocinato dal Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, nonché del Centro per la Storia dell’Arte e dell’architettura delle città portuali, ha visto la presenza di illustri professionisti. I lavori hanno visto la partecipazione del direttore del dipartimento di Lettere e Beni Culturali della Luigi Vanvitelli, Giulio Sodano; dalla direttrice associata dell’Edith O’ Donnell Istitute of Art History, Sarah Kozlowski; del responsabile per la Terra di Missione del Dipartimento di Lettere dell’Università Vanvitelli, Domenico Proietti; dell’assessore al Turismo della Regione Campania, Felice Casucci; del referente scientifico per la candidatura Unesco di Sant’Angelo in Formis, Alessandra Perriccioli; del coordinatore e responsabile scientifico del progetto candidatura Unesco – Scuola IMT Alti Studi Lucca, Ruggero Longo; della rappresentante dell’Università della Tuscia, Viterbo, Maria Andaloro e di Elisabetta Scirocco della Biblioteca Hertziana di Roma. 

About author

Tiziana Barrella
Tiziana Barrella 61 posts

Avvocato del Foro di Santa Maria Capua Vetere. Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Giuridico Italiano. Segue numerose attività formative per alcune Università italiane. Svolge docenza e formazione per enti pubblici, privati e università. Profiler e studiosa di criminologia e psicologia comportamentale, nonché specializzata già da anni, nello studio della comunicazione non verbale e del linguaggio del corpo, con una particolare attenzione rivolta al significato in chiave criminologica delle azioni eterolesive ed autolesive, necessarie per la redazione di un profiling.

You might also like

Primo piano

SLA, la Reggia si illumina di verde per la Giornata nazionale

Pietro Battarra  – Domani 15 settembre è la Giornata nazionale dedicata alla SLA e promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica (Aisla). Le iniziative sono molte e tutte con l’obiettivo di

Primo piano

I “molti” di Antonio Biasiucci, da ogni punto di vista

(Enzo Battarra) – La grande sala del Museo d’Arte Contemporanea di Caserta, negli austeri locali del ex cenobio di Sant’Agostino, è diventata un mare di volti. La luce è soffusa,

Primo piano

Vigilia a Caserta, brindisi dei ritornanti all’ombra della Reggia

Enzo Battarra – Loro sono a piazza Dante, quella che a Caserta familiarmente chiamano Margherita, in onore della regina e a dispetto del sommo poeta. Loro sono Peppe Servillo e