Basta violenza sui sanitari! L’appello dei Medici di Caserta

Basta violenza sui sanitari! L’appello dei Medici di Caserta

Claudio Sacco

-L’Ordine Provinciale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Caserta, in collaborazione con la sezione di Caserta l’Associazione Italiana Donne Medico (AIDM), ha celebrato la Prima Giornata Nazionale di Educazione e Prevenzione contro la Violenza sui Sanitari.

La presidente dell’Ordine Maria Erminia Bottiglieri e il presidente della Commissione Albo Odontoiatri Pietropaolo Scalzone hanno aperto la giornata con i saluti. È seguito l’intervento del dottore Enzo Battarra che, in qualità di assessore al diritto alla salute e alla pubblica istruzione del Comune di Caserta, ha raccolto la proposta di collaborazione della presidente Bottiglieri per iniziare a lavorare in sinergia sull’aspetto della prevenzione contro la violenza, cominciando dalla scuole della città.

L’assessore Battarra ha sottolineato: «Penso che la collaborazione istituzionale sia fondamentale tra il Comune e un ente come l’Ordine dei Medici. Certamente tra i sanitari c’è chi è più esposto e chi meno alla violenza, ma attacchi verbali, tentativi di intimidazione, il mancato rispetto sono purtroppo vicende che coinvolgono tutti i sanitari, non solo i medici, ma anche gli altri professionisti del settore. Come assessore al Diritto alla Salute e alla Pubblica Istruzione credo che si debba partire dall’educazione di base ed è forse quella che sta mancando nella nostra comunità. Da parte mia tutta la disponibilità anche nell’intervenire nella scuola primaria e secondaria di primo grado per spiegare ai piccoli allievi tale problematica».

Le due moderatrici, le dottoresse Carolina Bologna e Laura Leoncini, hanno introdotto i vari relatori e relatrici, ma hanno sottolineato l’importanza del fenomeno e come, in poco tempo, i sanitari da eroi, all’inizio della pandemia, siano diventati vittime di aggressioni con una escalation progressiva.

«Le testimonianze sono state toccanti», sono le parole di Erminia Bottiglieri. «Le storie veramente da brividi, raccontate da chi le ha vissute in prima persona, fanno venire rabbia e tristezza. Si è acceso un ampio dibattito e ciò fa capire quanto sia sentito il fenomeno tra i medici. Il fenomeno, nazionale e territoriale, esiste. La dimensione la dà l’Inail con i dati di ottobre 2020, segnalando circa 2000 aggressioni l’anno. Ma i numeri sono sottostimati perché l’80% non viene denunciato, soprattutto quando si verificano aggressioni verbali che sono quasi quotidiane. I sanitari non si sentono più sicuri e questo potrebbe influire sul lavoro. Hanno paura, sono demotivati e non si sentono tutelati da chi dovrebbe provvedere a proteggerli. Dalle indagini pubblicate si è evidenziato che la maggior parte di loro non sanno che esistono delle procedure aziendali per denunciare gli atti di violenza, non hanno mai partecipato a corsi di formazione e così via.

Le normative per la sicurezza sui luoghi di lavoro esistono, l’ultima è la legge 113/2020, in cui sono state definite le sanzioni fino a 5mila euro per chi commette una violenza contro un operatore sanitario, ma non è stato riconosciuto, benché richiesto dalla FNOMCeO per tutte le situazioni lavorative, lo status di pubblico ufficiale.

Riconoscimento alla Carriera al dottore Giuseppe Giuliano

Quali potrebbero essere le soluzioni? Si deve agire a vari livelli perché il problema interessa i medici ospedalieri, di famiglia, dell’emergenza, del 118, della continuità assistenziale. È  auspicabile una maggiore partecipazione alle commissioni/gruppi di lavoro della ASL e dell’AORN sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, inserendo anche componenti ordinistiche. Devono essere intrapresi corsi di formazione dedicati al personale sanitario, sia per informarli sulle modalità con cui denunciare un eventuale violenza subita, sia su come scongiurare o affrontare un’aggressione, per evitare che da iniziale alterco sfoci in un atto di violenza fisica. La prevenzione deve iniziare dalla scuole, ma, aspetto fondamentale, deve essere ripreso e rivalutato il rapporto medico-paziente, quell’alleanza terapeutica, quell’empatia che in passato ha caratterizzato la nostra professione e che negli anni si è alterata sfociando in incomprensioni e aggressioni. I pazienti devono capire che i medici sono dalla loro parte, che sono al loro fianco, ma che spesso lavorano in condizioni estremamente difficili e con personale ridotto, per cui si possono verificare ritardi indipendenti dalla loro volontà.

Riprendere il rapporto con i nostri pazienti, lavorare in collaborazione e sinergia tra istituzioni, fare prevenzione iniziando dalle scuole sono i punti sui quali ci dobbiamo impegnare tutti. BASTA VIOLENZA!». A conclusione dell’incontro la consegna del riconoscimento alla carriera al dottore Giuseppe Giuliano emergenza territoriale 118.

👩‍💻Comunicato stampa

About author

Claudio Sacco
Claudio Sacco 94 posts

Giornalista. Segue come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Art promoter.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Un esoterico amore, Saverio Ferrara a Casal di Principe

-Si terrà sabato 7 maggio alle 10 presso la sala consiliare del Comune di Casal di Principe (annessa biblioteca Grillo Parlante) la presentazione del libro «Un esoterico amore» di Saverio

Primo piano 0 Comments

Padre e figlio sull’amaca, Marcianise presenta il Cutillo day

Pietro Battarra – Raffaele Cutillo legge i “Racconti scritti per la Rete”. L’appuntamento è per domani venerdì 25 agosto alle ore 21,30 nell’ambito della rassegna “Letture sull’amaca” curata dall’artista Mimmo

Primo piano 0 Comments

No summer break! Musei aperti a Ferragosto anche a Caserta

Pietro Battarra  – Musei da scoprire, musei da rivedere. Il giorno di Ferragosto un tempo era tradizionalmente legato o alla calura della spiaggia o alle gite fuori porta. Ora è un

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply