Buone Notizie, un premio che educa alla bellezza del bene

Buone Notizie, un premio che educa alla bellezza del bene

(Maria Beatrice Crisci) – “I Papi che ho servito sono stati i primi comunicatori di notizie belle e importanti per la nostra società e la nostra umanità. Ho sempre cercato perciò di collaborare con i miei colleghi giornalisti perché si facessero portatori a loro volta dei messaggi positivi che i Papi davano per il bene dell’umanità. Nel complesso posso dire di aver vissuto tanti momenti belli durante i quali ho avuto l’impressione che gli stessi colleghi fossero felici di diffondere le buone notizie e di collaborare a una missione estremamente positiva di pace, solidarietà e di giustizia”. Così padre Federico Lombardi, direttore emerito della Sala Stampa Vaticana, tra i giornalisti premiati de «Le Buone Notizie – Civitas Casertana».

Il Premio ha lo scopo di segnalare all’opinione pubblica giornalisti e comunicatori che, nella loro carriera e nell’impegno quotidiano, fanno prevalere con intelligenza e professionalità la Notizia nella sua oggettività, completezza e correttezza, e, soprattutto, sanno informare e promuovere le tante “buonenotizie della vita quotidiana. Il premio, ideato dall’Ucsi di Caserta, è organizzato insieme con l’Assostampa, l’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali di Caserta, il Corso di Comunicazione dell’Issr, l’associazione ScrivEremo, e con il multiblog “Buone Notizie” del “Corriere della Sera”. La manifestazione, ormai giunta alla nona edizione, gode del patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti della Campania e della Fisc, Federazione italiana settimanali cattolici.

Con padre Lombardi anche gli altri premiati: la giornalista di Mediaset Safiria Leccese; il fotografo del Papa Arturo Mari ed Eric Jozsef, corrispondente dall’Italia di Libération. In sala anche i vincitori del concorso BuoneNotizie/Scuola. A fare gli onori di casa il vescovo Giovanni D’Alise. Con lui anche il presidente dell’Assostampa Caserta Michele De Simone. A coordinare i lavori il giornalista Luigi Ferraiuolo.

Safiria Leccese, come si ricorderà, fu lei a presentare, al Circo Massimo, la serata di celebrazione e di veglia per la beatificazione di Giovanni Paolo II il 30 aprile 2011, al Circo Massimo a Roma. Le sue parole oggi sono state: “Le buone notizie rischiano di annoiare. Perciò i premi come questo hanno molta importanza. L’educazione al bene  e al bello parte dai nostri cuori. E fu proprio Giovanni Paolo II a dire un giorno sappiate che il cuore dell’uomo è un abisso, il mio come il vostro. Allora dobbiamo educare al bello e rendere affascinante il bene. Un premio così per me è bello perché ci educa tutti alla bellezza del bene”.

vescovado

Il premio a “La Buona Notizia del 2016” è andato, invece, al ristorante “Ruben” e al suo ideatore, Ernesto Pellegrini. Un ristorante solidale che offre la cena a un euro a pasto a persone in difficoltà temporanea, per aver perso il lavoro o per altri motivi, segnalate da una rete di 150 associazioni, tra cui spiccano i tanti sportelli di ascolto della Caritas ambrosiana, oltre che i servizi sociali del Comune di Milano. Non una mensa per poveri, ma un vero ristorante con tanto di menu a scelta e tanti chef professionisti, che a oggi ha 3.800 clienti registrati e ha erogato 108mila pasti; con un forte incremento nel 2006. Si trova a Milano, in via Gonin 52, nel quartiere Giambellino ed è stato voluto dall’ex patron dell’Inter Ernesto Pellegrini, oltre a essere sostenuto dalla sua fondazione omonima. “Ruben” – così si chiama il ristorante, intitolato a un giovane senza tetto che l’ex patron Ernesto Pellegrini conosceva e ha visto morire di stenti – non fa solo questo: i volontari che ogni sera girano tra i tavoli, cercano di dare una mano che vada oltre il bisogno primario del cibo: trovando un lavoro e una casa per i loro ospiti. La maggioranza dei commensali di Ruben, nato due anni fa ma cruciale per la sua opera in questo anno appena trascorso, ha tra i 18 e i 65 anni, il 63% è italiano (il 19% comprende figli di immigrati), il 37% straniero. E il rapporto maschi-femmine è di 56 a 44.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7516 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura 0 Comments

Culture break. Uno spazio di confronto online per i giovani

Claudio Sacco -Ritorna domani online alle ore 17 il settimo appuntamento con Culture break, il format ideato da Aniello Di Santillo e Donata Chianese. Uno spazio virtuale per socializzare, creare

Nuova acquisizione per la Reggia, è un dono di Andrea Chisesi

Maria Beatrice Crisci  – Con la consegna in dono alla Reggia di Caserta di un’opera dell’artista Andrea Chisesi cala il sipario sulla mostra «Saligia», inaugurata il 4 luglio. L’appuntamento con

Cultura 0 Comments

La grande musica nella Reggia di Caserta. Felicori presenta il programma con De Luca

Mercoledì 18 maggio alle ore 11.00 presso la Sala Giunta di Palazzo Santa Lucia si terrà la conferenza stampa di presentazione del programma “Un’Estate da Re. La grande musica nella

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply