Capodrise. Motus animi a Palazzo delle Arti per cinque artisti

Capodrise. Motus animi a Palazzo delle Arti per cinque artisti

Regina Della Torre -Ci contamini la cultura! In un momento d’ansia generale per il rischio da Coronavirus, dal Palazzo delle Arti di Capodrise arriva un messaggio positivo. L’assessore Luisa D’Angelo conferma per il 7 marzo, alle 18,30 il vernissage della mostra “Motus animi”, curata da Michelangelo Giovinale, in collaborazione con Rosa Bencivenga. Nello spazio di via Giannini, in esposizione, fino al 4 aprile, opere di Marco Abbamondi, Giancarla Frare, Gaetano Lamonaca, Luigi Pagano ed Eliana Petrizzi. «In “Motus animi” – afferma Giovinale – lo spettatore è trascinato nella dinamica delle emozioni, in uno spazio che supera il dualismo interno/esterno e dove la narrazione espositiva conserva un profilo di essenzialità tipico delle tonalità emotive, quali strati profondi dell’umano».

Cinque artisti per cinque sensibilità, inquiete e visionarie, che sperimentano nuovi linguaggi del vedere e del sentire e offrono una chiave ermeneutica per decifrare le cavità più buie della psiche. Cinque artisti per cinque sensi, in un’immersione totale e totalizzante. Cinque artisti per cinque atmosfere, con la possibilità di coglierne infinite, riconciliando la coscienza, interna a noi, e il mondo, intorno a noi. «Del resto – aggiunge Giovinale –, i moti dell’anima, scriverà Martin Heidegger, “sono tessuti atmosferici”, nelle cui trame si muove l’arte, si muove la vita». Forme fluide allo sguardo si addensano sulla tela di Luigi Pagano, eludendo il tempo nel suo verso lineare e circolare.

L’opera si compie attraverso una profonda narcosi creativa. Pagano si nuove come un rabdomante, portando in superficie atmosfere alchemiche di tonalità di blu affioranti dal nero e di luci dischiuse, come squarci nel bianco albedo. Emana una persistente inquietudine la quadreria di Gaetano Lamonaca. Figure come in una sala d’attesa logorate dal tempo; affamate di futuro, ma dominate dal peso del presente, posano in precario equilibrio, nell’incarnato pittorico che a stento trattiene una lenta, corrosiva, emotività. Marco Abbamondi è un puro. La forma poetica del suo linguaggio è pura. Le cromie, pure. Il suo è uno spazio d’introspezione, costruito su una scala di accordi tonali, fra il gioco a parete delle superfici estroflesse e la grande istallazione, al centro della sala, che raccoglie dal Marocco pigmenti di colore blu. Sguardi e paesaggi disciolti in un universo emotivo, che fluttua nello spazio rarefatto di atmosfere intrise di mistero. Eliana Petrizzi riverbera sulle scarne superfici pittoriche le regioni più interiori di corpi e forme. Qualcosa nella luce si discioglie, qualcosa, invece, resta fisso nell’ombra, fra le accese tonalità monocrome, dove sagome affilate e profili esistenziali disegnano i luoghi silenti dell’anima. Frammenti di pietra chiusi in trame fitte di segni di china, dove bianche luci seleniche e ombre nere, come botole profonde, si scontrano in un corpo a corpo sulla superficie rarefatta e essenziale della sua opera. Nell’isolare testimonianze di tempo e di storia, Giancarla Frare ci dice che di noi qualcosa resterà. Poi, c’è la “sua” Gina, un’anziana donna di oltre cent’anni, che in vita aveva perso la memoria, ma recitava, come una nenia, passi della Divina Commedia e dell’Orlando Furioso. La proiezione di un video che la ritrae, realizzato dall’artista, è il varco d’uscita dalla mostra. La foto-manifesto della collettiva è firmata da Sabry Ardore, il graphic design, da Angelo Tartaglione. L’evento è promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Capodrise e co-finanziato dal Poc Campania sulla “Rigenerazione urbana e sulle politiche per il turismo e la cultura”. L’ingresso è gratuito.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7790 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Ad Alessandra Smerilli il Premio Mario Diana 2020

Riceviamo e pubblichiamio -Sarà Alessandra Smerilli, docente di Economia politica alla Pontificia Facoltà di Scienze dell’educazione “Auxilium” di Roma, ad essere insignita del Premio Mario Diana 2020. Negli anni scorsi

Comunicati 0 Comments

Università Vanvitelli. Ingegneria, in arrivo il super cervellone

Claudio Sacco -Università Vanvitelli all’avanguardia. Un super computer capace di elaborare un numero incredibile di dati per applicarli all’informatica, alle smart cities, all’ambiente, all’economia, alla chimica, all’ingegneria, alla fisica.  Si

TramaLogo, Casagiove premia il Liceo Artistico sammaritano

Pietro Battarra – È uno studente della quarta A del Liceo Artistico di Santa Maria Capua Vetere il vincitore del progetto TramaLogo promosso nell’ambito della Biennale d’arte del Belvedere di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply