Carditello Festival, Vinicio Capossela porta Dante al Real Sito

Carditello Festival, Vinicio Capossela porta Dante al Real Sito

Il viaggio del Real Sito di Carditello, dopo decenni di abbandono nella Terra dei Fuochi, approda nei gironi danteschi.  Il Carditello Festival 2021 è pronto ad ospitare, mercoledì 28 luglio alle ore 21, la tanto attesa Bestiale Comedìa di Vinicio Capossela, celebrando i 700 anni della morte di Dante Alighieri e il riscatto della Reggia borbonica (San Tammaro / Caserta), da sempre linea di confine tra popolo e nobiltà, malaffare e legalità, degrado e bellezza. Il concerto dantesco – unica data in Campania, che anticipa l’appuntamento internazionale in programma il 20 settembre a Bruxelles nell’ambito de Les Nuits Botanique 2021 – esprime tutta la sofferenza e il coraggio del sito anticamorra di Carditello, capace di resistere alle ferite del tempo e della criminalità organizzata, per poi rinascere nel cuore verde della Campania Felix.

Se quello di Dante, dunque, è un viaggio tra i morti per salvare i vivi, la Bestiale Comedìa vuol essere un itinerario nell’immaginazione musicale e letteraria per redimere il reale dallo smarrimento in cui sembra gettato. La ricerca musicale, artistica e letteraria che l’artista porta avanti da tempo è ricca di riferimenti danteschi. Sebbene le citazioni esplicite ad alcuni passi della Divina Commedia siano presenti in particolare in alcuni brani dell’album Marinai, profeti e balene del 2011, in tutta la discografia di Capossela riecheggia l’universo metafisico dantesco attraverso una ricerca della ritualità, del primordiale, delle radici mitiche della propria cultura, tutta volta a decifrare e restituire la complessità dell’animo umano. Il concerto attingerà da questa vasta discografia: un vero e proprio viaggio nell’aldilà tra santi, creature mitiche, bestie, eroi e, soprattutto, peccatori. Proprio Dante profeticamente indica uno dei mali del presente e, allo stesso tempo, suggerisce con la sua poesia che, per coglierne la tremenda realtà, è necessario lasciare il reale ed entrare nel vero dell’immaginazione, passare per la poesia per redimere il reale e intravedere la grazia. Valori che rappresentano anche la missione della Fondazione Real Sito di Carditello.

Gli anniversari offrono l’occasione di misurare il tempo che passa e i mutamenti che porta – spiega Vinicio Capossela – ma offrono anche l’opportunità di valutare il tempo che non è passato e ciò che è restato immutato, in modo da poterlo riscattare. Affacciarsi a Dante è affacciarsi al pozzo della natura umana. A partire dalla forma a imbuto della cosmogonia della Comedìa, l’attrazione è sempre stata presente. Ho iniziato ad appassionarmi a Dante per mito interposto”.

I compagni di questa impresa saranno due musicisti di grande talento – il poliedrico Vincenzo Vasi e il virtuoso Raffaele Tiseo – che come Virgilio e Beatrice affiancheranno il cantautore, mercoledì 28 sul palco del Carditello Festival, e gli daranno coraggio nel confrontarsi con una delle opere più vaste, monumentali e magnifiche della storia della letteratura mondiale.

“L’eroe della mia giovinezza è stato il dannato, il bohémien, il distillatore di bellezza Amedeo Modigliani. Modigliani sgranava come un rosario ebbro i versi di Dante a memoria, mentre dipingeva i suoi volti dagli occhi vuoti. E così provai a mandarli a memoria anche io scoprendo la più sublime forma di preghiera umanistica. Una esperienza di spiritualità, che nella ripetizione conduce a una specie di trance. L’attrazione per l’umano, per i suoi miti, per il sublime, per l’inferno, per il peccato e per la virtù, per tutto ciò che desta maraviglia – conclude Capossela – è quello che da quindici anni conduce il mio cammino in musica e parole. Non c’è cosa che Dante non comprenda già”. 

Il Carditello Festival continua, venerdì 30 luglio, con il concerto dell’Orchestra del Teatro di San Carlo – una formazione speciale diretta dal maestro Maurizio Agostini – nell’ambito del programma regionale Campania by Night e, sabato 7 agosto, con il Parola Tour di Giovanni Caccamo, le finestre letterarie teatrali di Michele Placido dal vivo e i contributi audio di Willem Dafoe e Aleida Guevara (unica data in Campania), prima di lasciare spazio alla sezione Jazz & Wine dal 26 al 29 agosto. 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7516 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura 0 Comments

Appia Felix, il progetto culturale continua dopo il lockdown

Il periodo di lockdown dovuto all’emergenza Covid 19 non ha interrotto il processo di condivisione del “Progetto strategico culturale Appia Felix”, sperimentato nell’ambito  casertano con il  programma MuSST#2 Musei e

Primo piano 0 Comments

Disagiati ma vincenti, a loro il premio dell’AlberThon

(Enzo Battarra) – Saranno anche “I Disagiati”, nome che loro stessi si sono attribuiti, ma certamente sono stati resistenti e performanti. Sono loro i vincitori dell’AlberThon, la maratona informatica di

Food porn, i piaceri della tavola. Così l’eros diventa voyeurismo

Raffaella Sciarra * Uno degli hashtag più popolari in uso sui social network è #foodporn, che a prima (s)vista parrebbe indicare una categoria vietata ai minori. In realtà, quello che potremmo

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply