Carditello. La Fondazione è ora una realtà

Carditello. La Fondazione è ora una realtà

(MBC) Il sogno è davvero diventato realtà. Oggi infatti dopo una lunga attesa con la firma dell’atto costitutivo e dello statuto è nata a Roma la “Fondazione Real Sito di Carditello”: a sottoscriverne la nascita sono stati il ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e il sindaco di San Tammaro, Emiddio Cimmino. A presiedere la neonata fondazione sarà Mirella Barracco.    “Una bella storia per la pubblica amministrazione”, ha commentato il ministro Franceschini che, tra l’altro, ha ringraziato il suo predecessore, Massimo Bray, per aver deciso l’acquisto del sito. Per il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca “si apre adesso una stagione di grande interesse culturale. Saremo vicini alla Fondazione e ci impegneremo per garantire alla Reggia di Carditello una rete infrastrutturale adeguata a offrire la massima fruibilità del sito”. “Per noi è un grande giorno – ha detto il sindaco Cimmino – la Reggia di Carditello è il simbolo del riscatto del nostro territorio”.  “Un altro impegno mantenuto: la tanto attesa Fondazione per Carditello è realtà così come era stato promesso dal ministro Dario Franceschini. Le mie più vive congratulazioni, in particolare, ai due casertani che arricchiranno di competenza e passione il Cda della neonata Fondazione: Emiddio Cimmino e l’architetta Rosalba Iodice”. Così in una nota Camilla Sgambato, deputata Pd componente della Settima Commissione Cultura che aggiunge: ” Con la presidenza di Mirella Stampa Barracco, e con il coinvolgimento che certo non mancherà di tutte le energie e le idee che verranno da chi in questi anni si è speso per Carditello, la nostra Reggia compie un passo fondamentale per quel cammino di riscatto e rilancio atteso da tempo. Mi sono già congratulata anche con il sindaco di San Tammaro Emiddio Cimmino che tanto ha spinto perché si arrivasse a questo risultato. Queste sono le belle notizie che ci confermano di essere sulla strada giusta, questa è la bella politica che lavora per il Paese”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8904 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Caserta e Casagiove, per loro trenta opere della Biennale

Claudio Sacco – Sono una trentina le opere che sono state donate dagli artisti che hanno partecipato alla Biennale d’arte del Belvedere di San Leucio ai Comuni di Caserta e Casagiove.

Attualità

Anci Campania in assemblea, sindaci convocati al Belvedere

Maria Beatrice Crisci -Transizione digitale, Comunità energetiche e sostenibilità, Piccoli Comuni. E ancora, borghi e aree interne, Pnrr e politiche di coesione. Questi gli argomenti che saranno trattati in occasione

Comunicati

Partenope viaggia nel mondo, l’Institut Français canta Napoli

-Venerdì 28 gennaio 2022, presso la Sala Teatro Dumas dell’institut Français di Napoli (via Crispi 86), andrà in scena uno spettacolo di canzone classica napoletana ideato da Davide Brandi ed intitolato: “T’ ‘a conto, t’