Carmen, una spagnola a Parigi. Finale da profondo rosso

Carmen, una spagnola a Parigi. Finale da profondo rosso

(Beatrice Crisci) – È come affacciarsi da un balcone a Parigi e vedere da lassù la vita che si svolge a Siviglia. Il coreografo Fredy Franzutti ha visto così la sua “Carmen”, la tragica storia della sigaraia spagnola vista con gli occhi di un francese. Anzi di più francesi, partendo da Prosper Mérimée, autore del racconto, passando attraverso Georges Bizet, autore della celeberrima opera lirica, aggiungendo anche altre composizioni musicali di Isaac Albéniz, uno spagnolo formatosi a Parigi, e di due francesi doc, Emmanuel Chabrier e Jules Massenet.

C’è dunque tanto gusto parigino in questa “Carmen” messa in scena al Teatro Comunale di Caserta dalla compagnia del Balletto del Sud. E soprattutto – come ha confermato lo stesso Fredy Franzutti nel suo intervento che ha fatto da prologo allo spettacolo – c’è la Spagna vista con gli occhi dei francesi, la cultura iberica letta nei suoi stereotipi: i toreri, le nacchere, i ventagli.

“Carmen” in questa bella versione del Balletto del Sud diviene prima ancora che spettacolo di danza un’apoteosi di colori, con quei costumi vivaci, con quel ritmo incalzante, con le grandi scene molto pittoriche.

“Carmen” è storia di passione, di amore e morte, di ribellione. Brava Nuria Salado Fusté nei panni scomodi dell’eroina, bravi anche Carlos Montalvan Tovar nella parte del giovane soldato José e Alexander Yakovlev nel ruolo del capitano delle guardie Zuniga. Prorompente per presenza scenica il torero Escamillo, ovvero Alessandro De Ceglia, splendido esempio di barocco leccese. Funzionale allo spettacolo Francesca Bruno, interprete di Micaela, il primo amore di José. E poi c’è lui, Stefano Sacco, il casertano ventenne che ha strappato applausi e sorrisi. È un picaro nel primo atto, un vero e proprio monello, pronto a cimentarsi in un virtuoso assolo. Poi, nel corso dello spettacolo si trasforma in uno zingaro e poi in un torero. Insomma, il giovane ballerino made in Caserta si mostra in tutta la sua versatilità. Ed è lui il più espressivo del gruppo, con una forte mimica facciale, con una gestualità che è danza ma che è anche teatro. Insomma, un ballerino-attore, un talento della scena. Tanta la simpatia irradiata.

L’ultimo atto è particolarmente tragico. Tutto cade in un profondo rosso. Ma un attimo dopo ecco i ballerini salutare il pubblico ed ecco gli spettatori tributare un più che legittimo e festoso applauso. Tutti gli interpreti lo meritano, ma Stefano Sacco sa di giocare in casa e sorride, sorride al pubblico.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 5754 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Biennale Belvedere. Finissage con premi e catalogo

 Maria Beatrice Crisci – “Terra Madre”, la prima edizione della Biennale d’Arte Contemporanea del Belvedere di San Leucio, si è conclusa con la consegna dei premi e la presentazione del

Comunicati

Modello Welfare Caserta, alla Croce Rossa il coordinamento

Claudio Sacco – Il Comune di Caserta dà il via al “Modello Welfare Caserta”, un’attività di coordinamento delle iniziative di volontariato svolte sul territorio cittadino nata con l’obiettivo di rendere

Arte

“Semplicemente Fausto”, a San Leucio il ricordo di Mesolella

Luigi D’Ambra “Semplicemente Fausto” è l’omaggio del liceo artistico San Leucio a Fausto Mesolella, l’artista casertano scomparso improvvisamente due mesi fa. Una mostra di ritratti realizzata dalle studentesse del liceo

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply