Caserta, chiude Foto Vignes. Va via un altro pezzo di storia

Caserta, chiude Foto Vignes. Va via un altro pezzo di storia

(Luca Sorbo*) – Il mestiere del fotografo da ormai vent’anni sta attraversando una profonda crisi. Un’ulteriore conferma di questo è la cessione dell’attività di “Foto Vignes”, uno degli studi fotografici più antichi di Caserta, attivo dai primi decenni del secolo scorso in via Mazzini. E’ molto triste ascoltare il racconto di Pasquale Silvestri, nipote del notissimo Umberto, classe 1928, che negli anni ’30 da bambino aveva appreso l’arte fotografica dalla suocera Maria Vignes. Poche sono le speranze di una proroga dello sfratto. Speriamo che il Comune o la Soprintendenza pongano in brevissimo tempo un vincolo ed impediscano che venga cancellata questa memoria della città. Comunque credo sia indispensabile porre un vincolo sulla bella insegna in legno sulla facciata esterna. Lo studio fotografico, oltre ad essere una preziosa attività artigianale, rappresenta la memoria di una comunità. Così è stato per i Russi, la più antica famiglia di fotografi della provincia di Caserta (1860-1990), così è anche per Vignes. Pasquale Silvestri è perfettamente consapevole che le fotocamere, le lastre e tutti i documenti, oltre ad essere un prezioso ricordo di famiglia, sono anche un patrimonio culturale per la comunità ed è disposto a trasformare lo studio di famiglia in un museo o in una casa della fotografia. Per questo serve una mobilitazione generale ed un concreto interessamento delle autorità cittadine. Ho piacere di ricordare alcuni riconoscimenti che Maria Vignes ha ricevuto dalla Famiglia Reale testimoniati da lettere esposte all’interno.  Speriamo che si riesca a preservare questo importante pezzo della memoria della città o comunque a preservarne la memoria, conservando e valorizzando in modo adeguato le lastre, i documenti e le fotocamere dello studio. Per quel che mi riguarda, essendo docente di fotografia all’Accademia di Belle Arti di Napoli, cercherò di assegnare al più presto una tesi di laurea sullo studio Vignes ed impegnarmi personalmente nella ricostruzione della sua attività.

*docente all’Accademia di Belle Arti di Napoli di Archiviazione e Conservazione della Fotografia

foto-vignes      foto-vignes-2       foto-vignes-3

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9778 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Messa per le Vittime del Dovere, ha girato in città la fanfara

Redazione – La Fanfara 10° Reggimento Carabinieri “Campania” si esibita per le vie del centro storico della città di Caserta per ricordare l’appuntamento di domani domenica 11 dicembre, alle ore

Primo piano

Caserta Campania Pride. Domani la conclusione

L’itinerario del “Caserta Campania Pride” prosegue senza sosta questa settimana intervallando molteplici iniziative e la partecipazione di numerosi personaggi famosi che stanno inviando i loro messaggi di supporto da tutta

Cultura

Le giovani promesse della scrittura al Settembre al Borgo

Marco Cutillo – «Il Sud non è magia, il Sud è una terra concreta e logica». Luigi Ferraiuolo curatore della sezione letteraria del Settembre al Borgo, “Il Sud non è