Caserta cinema, le fate di Ferzan Özpetek incantano la Reggia

Caserta cinema, le fate di Ferzan Özpetek incantano la Reggia

Marco Cutillo

– Per una sera la Reggia di Caserta è stata incantata dalle fate. È stato Ferzan Özpetek il terzo regista ospitato WhatsApp Image 2018-11-22 at 19.46.29alla manifestazione “Maestri alla Reggia”. Per motivi di sicurezza un numero cospicuo di sedie è stato rimosso dalla Cappella Palatina, lasciando in piedi una grossa fetta di pubblico. Non per questo, però, gli appassionati si sono scoraggiati. Consapevoli dell’opportunità, hanno deciso di rispondere presente e di prendere parte all’evento. Si dice che il regista di “Napoli velata” sia molto amato dal pubblico; ciò è stato ampiamente verificato all’ ingresso e durante i lunghi applausi che gli sono stati tributati dopo i suoi interventi. Imbeccato da Alessandra De Luca, Özpetek confida: «Mio padre quando mi vedeva si metteva a ridere. Ha iniziato a credere in me quando è uscito il mio primo film “Il bagno turco”, che un ebbe grande successo. Ho sempre pensato che non gliene fregasse niente del mio lavoro e di me, però quando è venuto a mancare ho trovato tutte le critiche che mi avevano fatto ritagliate e conservate. Questo mi ha commosso». WhatsApp Image 2018-11-22 at 19.46.29 (1)Dalla mania per i dettagli, ai complimenti dell’ex presidente Napolitano, passando per un divertente aneddoto che ha come protagonista Anna Bonaiuto. Pare che l’attrice sia stata provinata per tre film diversi, salvo poi essere scelta per “Napoli velata” attraverso un “sesto senso”, svela il cineasta. E fa bene a non dirne male, perché è proprio quest’ultima che come materializzatasi dal nulla sale i gradini dell’altare per affiancarlo sulla poltroncina rossa. Con un grande regista ed un’ospite speciale di qualità, “Maestri alla Reggia” conferma il suo ruolo cardine tra le manifestazioni casertane. Secondo il regista turco «Napoli è una città sulla gonna del Vesuvio. I napoletani temono la morte, ma in qualche modo la prendono anche in giro» E forse per questa sua capacità di capire la città partenopea, simbolo della nostra regione, che Özpetek sembra essere sempre il benvenuto nella Reggia dei Borbone.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6770 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Come mi vesto oggi? La proposta del giorno

(Redazione Moda) – La nostra rubrica “Come mi vesto oggi?” nasce per dare consigli moda e suggerimenti per un look perfetto in ogni occasione. Tante idee di stile e spunti originali ai

Primo piano

Primavera a Caserta, vetrine in fiore alla casa di moda Antea

(Enzo Battarra) – È primavera inoltrata ormai, anche se il tempo fa ancora qualche capriccio. Nel cuore di Caserta la casa di moda Antea ha inondato di fiori le sue vetrine

Spettacolo

“My Italy”, che bravi quegli attori! Sembrano proprio artisti

Maria Beatrice Crisci – “Trecentocinquanta spettatori per My Italy, un film che ha entusiasmato il numerosissimo pubblico dell’Anfiteatro. Tante risate ma anche uno sguardo attento all’arte contemporanea e al patrimonio culturale del

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply