Caserta, in piazza il saluto di suor Rita Giaretta alla sua città

Caserta, in piazza il saluto di suor Rita Giaretta alla sua città

Maria Beatrice Crisci

 – Lascia Caserta dopo 24 suor rita giarettaanni. È Rita Giaretta, suor Rita, 63 anni, vicentina di nascita, dell’ordine delle Orsoline del Sacro Cuore di Maria. Andrà a Roma a continuare la sua missione. Giovedì 6 giugno alle 18 in piazza Ruggiero, in quella che ormai era diventata la sua città, saranno in tanti a volerla salutare insieme a tutte le sorelle della comunità Rut. Ci saranno anche i giovani attori della Compagnia della Città.

A Caserta suor Rita è la «buona samaritana» di tante donne sfruttate e violate da criminali e aguzzini senza scrupoli, donne migranti in situazioni di difficoltà, sole o con figli. Fare del bene agli altri, dunque, come dono supremo di Dio. Questa è la sua missione. Nel capoluogo di Terra di Lavoro, suor Rita ha fondato Casa Rut, una comunità di suore orsoline arrivate nel 1995 da Vicenza a Caserta, accolte dall’allora vescovo Raffaele Nogaro, con un sogno: occuparsi delle donne in difficoltà soprattutto immigrate, che vivono in una condizione di invisibilità e di precarietà sociale e umana. Dopo il lavoro nelle carceri e sulle strade del litorale domizio, le suore hanno aperto una residenza per donne in difficoltà. Casa Rut da allora è un luogo in cui si respira un’aria di famiglia, in cui c’è la presa in carico della vita delle donne da parte di altre donne che hanno a cuore il loro destino. Tantissime le ragazze accolte, tante sono state vittime della tratta di esseri umani, una delle più gravi violazioni dei diritti fondamentali della persona.

suor rita - Papa Francesco (1)Ma non si è fermata qui. Nel 2004 è nata la Cooperativa NewHope pensata e voluta da suor Rita. Newhope è composta esclusivamente da donne, le «tessitrici di nuove speranze». È  un laboratorio di sartoria etnica e un’occasione per conoscere, attraverso i prodotti che vi si confezionano, la cultura delle varie etnie. Lo spazio è pieno di colori e di fantasia, si possono ammirare e acquistare straordinari manufatti per un’alternativa utile ai tanti doni inutili. Nel 2016 l’apertura del NewHope Store, il negozio nato a Caserta in via Redentore 50. È sempre lei l’artefice, suor Rita. Un altro sogno che si realizza. E ora le vendite viaggiano anche sul web.

Insomma, Rita Giaretta ha sconvolto i tempi di una città lenta e con una grande forza innovatrice e positiva ha sviluppato e realizzato un modello tutto casertano di assistenza e indirizzo al lavoro. Non solo, ma ha anche fatto da sprone e da stimolo per tanti che oggi, sulla scia del suo esempio, si impegnano nel volontariato proprio per costruire con lei una rete operativa solidale, religiosa e laica al tempo stesso. In un momento storico come quello che si vive oggi a livello nazionale e addirittura planetario, dove gli stessi concetti di solidarietà e di accoglienza rischiano di essere messi in discussione, il «modello Caserta» diventa un buon punto di riferimento e soprattutto un modello esportabile. Lo sa anche suor Rita, che probabilmente si rende conto della necessità di dover portare altrove, anche su una scala territoriale maggiore, la sua eccellente esperienza casertana. Sa che deve insegnare a seminare quello che all’ombra della Reggia si è già iniziato a raccogliere. Oggi c’è un altrove che ha più bisogno di lei. E questo lo si scrive con immenso rammarico, ma anche con la consapevolezza che non si possono mettere limiti geografici al bene.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8249 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

A Gioia Sannitica con la Sagra degli Antichi Sapori

Claudio Sacco  – E’ in corso di svolgimento fino a domenica prossima la Sagra degli Antichi Sapori a Gioia Sannitica. La rinomata kermesse culinaria giunta quest’anno alla sua 22esima edizione

Primo piano 0 Comments

Marta Cerreto, casertana di nascita, in finale a Jesolo

(Redazione) – E’ vero, c’erano cinque ragazze residenti in Terra di Lavoro a gareggiare a Jesolo nelle semifinali di Miss Italia. Purtroppo, nessuna di loro è riuscita a entrare tra le quaranta

Comunicati 0 Comments

Cinema in Campania: in arrivo 5 milioni per l’intero comparto

– La Direzione Generale per le Politiche Culturali e il Turismo della Regione Campania ha approvato le graduatorie delle opere audiovisive ammesse a contributo nell’ambito del Piano operativo annuale di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply