C’è il jazz al Moro di Cava de’ Tirreni con un doppio concerto

C’è il jazz al Moro di Cava de’ Tirreni con un doppio concerto

(Redazione) – Ritorna il jazz stasera al Moro di Cava de’ Tirreni. Un appuntamento speciale. Infatti, il noto locale ospiterà i live dell’Itai Doshin e del Trio di Salerno, inizio alle ore 22 (info: 0894456352 e www.pubilmoro.it).

Protagonisti attesi della serata il Trio di Salerno band composta da alcuni dei musicisti più apprezzati della ricchissima scena italiana: le vibrazioni del sassofono di Sandro Deidda, il fluire del pianoforte di Guglielmo Guglielmi e la profondità del contrabbasso di Aldo Vigorito, protagonisti di una fusione originale di stili e generi diversi, per una proposta musicale che lega assieme alcuni esponenti di punta della città che è la New Orleans italiana, per una rilettura originale dei grandi successi del jazz inframmezzati da alcune perle della loro discografia. A fare da padrone del live saranno infatti i brani di “Tre” il recente disco del Trio di Salerno, prodotto da Onofrio Piccolo perItinera Musica, etichetta discografica di Pomigliano Jazz, e distribuito da Goodfellas. Il trio prosegue nella narrazione musicale avviata con “Cantabile” e portata avanti con “Luna Nuova”, ribadendo la gioia del suonare insieme. La stessa che si avvertirà nel live di venerdì

Prema del loro live si esibirà l’Itai Doshin, trio che annovera  Francesco Chiarello: tastiere; Gabriele Pagliano: contrabbasso e Lucio Miele: batteria. La band nasce quasi tre anni fa, dopo un incontro casuale in conservatorio tra Gabriele Pagliano al contrabasso e il pianista Francesco Chiariello. Tante le idee che hanno portato il collettivo verso la produzione di musica originale e ad acquisire nel 2015 il suo definitivo terzo elemento, il batterista Lucio Miele. Itai Doshin, ovvero “diversi corpi, stessa mente”, che si possono anche interpretare con corpi diversi ma uguali nello spirito, indica infatti viaggiare nella stessa direzione in un naturale processo fatto anche di cambiamenti, trasformazioni ed evoluzione. La formazione presenta un repertorio di brani inediti fortemente legati al jazz contemporaneo contaminato, caratterizzato dalla ricerca e dalla sperimentazione di nuove sonorità.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Pulcinellamente. Grumo Nevano ricorda Domenico Cirillo

Claudio Sacco – Il comune di Grumo Nevano non dimentica il suo concittadino illustre Domenico Cirillo. Medico, scienziato e patriota, Cirillo fu giustiziato il 29 ottobre 1799 in Piazza Mercato

Cultura 0 Comments

Caserta, apre le porte San Rufo. Il medioevo è prossimo futuro

(Enzo Battarra) – Apre le porte San Rufo e le aprono anche gli altri edifici storici come l’Abbazia di San Pietro ad Montes e il Palazzo Cocozza di Montanara nel borgo medievale

Primo piano 0 Comments

Buon compleanno, Mozart! Concerto a Caserta per l’Arcadia

Maria Beatrice Crisci – Il concerto del complesso barocco l’Arcadia Ritrovata diretto da Marco Rozza ha concluso, nel giorno dell’International Holocaust Remembrance Day, il Giorno della Memoria, il vernissage della

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply