Che metamorfosi! Carditello celebra il tragico mito di Atteone

Che metamorfosi! Carditello celebra il tragico mito di Atteone

Enzo Battarra

IMG_0439Il mito di Atteone cantato nelle Metamorfosi di Ovidio e in tanti altri testi letterari, ma anche raffifurato in molte testimonianze d’arte, a partire dal gruppo scultoreo della fontana maggiore della Reggia di Caserta, opera di Tommaso e Pietro Solari, Paolo Persico e Angelo Brunelli. Per il quinto appuntamento “Dialoghi di Carditello_Le Metamorfosi” che stanno tenendo banco il sabato mattina nel real sito, il 20 maggio è stata la volta di “Atteone. Immagini di una colpa tragica”. A relazionare Gennaro Carillo, docente della Facoltà di Lettere dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa. Le letture delle riscritture del mito sono state dell’attore casertano Roberto De Francesco, interprete straordinario anche in questa occasione.

Coldiretti VerticelliIn sala il presidente della Fondazione Real Sito di Carditello Luigi Nicolais e la direttrice Angela Tecce. Ha fatto seguito la visita alla dimora borbonica e la degustazione di prodotti locali a cura della Coldiretti. Il ciclo di incontri a ingresso gratuito è realizzato in collaborazione con le associazioni Astrea, Sentimenti di Giustizia e A voce Alta, per approfondire i temi legati alla natura, al territorio e alla cultura.

CarditelloAtteone – come si legge in una nota diffusa alla stampa – è uno dei miti di metamorfosi più fortunati, anche dal punto di vista iconografico. Un mito che ha dato vita a quella che Massimo Cacciari chiama la “lingua materna” dell’Europa: un “sistema” di miti, simboli e allegorie facilmente decodificabili anche da parte del pubblico non colto e disponibili a un riuso virtualmente infinito, sia alto sia basso. Da Petrarca a Gombrowicz, da Marino a Proust, da Bruno a Kafka, la cultura europea ripensa di continuo Atteone. A Ovidio, cui si deve la canonizzazione del mito, si rifanno i pittori, Tiziano in testa. E la Diana di Tiziano, dea vergine e mortifera, diventa nel contemporaneo, Kim Cattrall, la Samantha Jones di Sex and the City, dunque un’icona Pop Camp, a dimostrazione che il mito può sopravvivere solo perdendo il “tremendo” che ne contraddistingueva le versioni più remote.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8422 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Un libro in giardino, ecco la nuova guida turistica per Caserta

Luigi Fusco -Sabato 7 agosto, alle 18.30, appuntamento ai giardini di Via Gemito a Caserta. Malìa Libreria – Spring Edizioni presenterà il volume Caserta guida alla Città. La Reggia, il

Cultura 0 Comments

Puccianiello, arte e spettacoli negli antichi casali

Gli antichi casali rivivono a Puccianiello. Nelle giornate di sabato 3 e lunedì 5 settembre l’antico borgo di Puccianiello vivrà di mostre, giocolieri, musica e teatro di strada​. Sarà la quarta

Primo piano 0 Comments

Caserta, gran galà alla Reggia sotto il segno dei Borbone

Pietro Battarra – Gran Galà borbonico – fasti e nefasti del Regno delle Due Sicilie. L’evento è in programma per sabato 28 ottobre a partire dalle 19 alla Reggia di Caserta.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply