Chiamami Disparo! In mostra tutte le opere di una vita brevis

Chiamami Disparo! In mostra tutte le opere di una vita brevis

Claudio Sacco

“Antonio Marrone era un nostro alunno, colpito fin dalla nascita da una rarissima malattia genetica. È scomparso recentemente, aveva diciotto anni. Voleva diventare un artista, in fondo lo è stato. Aveva scelto lo pseudonimo di Disparo“. Carla Ferrucci, docente del liceo artistico San Leucio ricorda così, non senza commozione, il suo alunno. Un ragazzo speciale che ha lasciato numerosissimi disegni, dipinti, bozzetti e un cahier con scritti e poesie. A lui è stato dedicato un evento. L’appuntamento è per mercoledì 20 dicembre alle 10,30. “S’inaugura a scuola – aggiunge la professoressa – una mostra a lui dedicata. Il padre ha creato una fondazione benefica per incentivare giovani talenti e raccogliere fondi per gli ospedali pediatrici frequentati dal figlio. Era un ragazzo gioioso e pieno di vita, ma pienamente consapevole della sua sofferenza e del suo destino”.

25552760_10204109358411215_484803113_o25552866_10204109358371214_730606231_oIl titolo della mostra è “Chiamami Disparo! Il diario artistico di un ragazzo “speciale”. La professoressa Ferrucci sottolinea: “È una mostra voluta dal padre e dal direttore scolastico del liceo artistico Antonio Fusco. La cura è del padre Gennaro Marrone, dei ragazzi/e della quinta A con la collaborazione di tutti noi docenti di Tony. L’allestimento è del padre e si basa su elementi naturali e lignei, alcuni dei quali erano stati scelti da Tony. Saranno esposti anche dei lavori di suoi compagni ispirati alla vita di Tony e presentato anche il bozzetto di un murales da realizzarsi sulla facciata della scuola. Sarà proposto anche un ppt realizzato dai compagni di classe insieme con me”.

Quindi, conclude: “Il padre vuole diffondere la definizione di Disparo, termine coniato da Tony per definire la sua condizione. Vuole, inoltre, creare una fondazione benefica culturale Disparo con lo scopo di promuovere i giovani talenti artistici e di raccogliere fondi per gli ospedali pediatrici”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7643 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo 0 Comments

Buongiorno Iris, ma le canzoni di Antonacci vivranno di notte

Enzo Battarra Buongiorno Iris è la nuova tribute band campana di Biagio Antonacci. E domani 23 agosto si esibirà alle 21 al Matuta Burger&braci in via del Lavoro 5 a

Roberto Paci Dalò al Banco di Napoli, è in Archivio il suo video

Claudio Sacco – Il titolo è “In darkness let me dwell” ed è il nuovo progetto dell’artista Roberto Paci Dalò in cui l’Archivio Storico del Banco di Napoli diventa il soggetto

Primo piano 0 Comments

I Longobardi al Mann. Una civiltà tutta da scoprire

Mario Caldara – Un altro pezzo di storia si ricongiunge a Napoli, anche se momentaneamente. Questo frammento storico porta la firma dei Longobardi, popolo tra i meno conosciuti, fatto paradossale

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply