“Como una volta”, storia di emigrazione al Piccolo di Caserta

“Como una volta”, storia di emigrazione al Piccolo di Caserta

-Terzo appuntamento di questa ventunesima stagione teatrale del Piccolo Teatro Cts di Caserta, con lo spettacolo teatrale scritto diretto e interpretato da Pietro Cerchiello, dal titolo Como Una Volta. La rappresentazione è prevista per sabato 27 novembre alle ore 21,00 e domenica 28 alle ore 19,00. Como una Volta è la storia di Angelo Rota, figlio di genitori bergamaschi, nato e cresciuto a Como, emigrato negli Stati Uniti per cercare fortuna. Una storia di tempi passati dunque, ma quanto mai attuale. I momenti più espressivi dell’esistenza di Angelo Rota, ci sono narrati da Pietro Cerchiello, che nelle vesti del protagonista, utilizzando un linguaggio a tratti poetico, ironico, goffo, istintivo, rabbioso e malinconico, racconta tutta la vita di Angelo. Una storia semplice e apparentemente lontana, ma nello stesso tempo, così complessa e vicina a noi: Angelo Rota, si trova da operaio su un’impalcatura, al quarantesimo piano di un grattacielo e guarda il cielo davanti a sé, sotto la strada. E in un momento di occasionale silenzio, Angelo fa cenno a Frankie, un altro operaio che è con lui sull’impalcatura, di non rompere quel silenzio, di non parlare, ma di ascoltare. Che cosa? Il silenzio stesso. E il silenzio è appunto il tema fondante di questa pièce. O meglio, il tentativo di dare voce al silenzio. Dare voce a chi ogni giorno guarda, ascolta, vive, senza però poter esprimere il proprio pensiero, le proprie emozioni, senza avere qualcuno con cui farlo.  Dopo un breve “ascolto” del silenzio, Angelo inizia a raccontare a Frankie la sua storia, cominciando dalla notte del 31 dicembre 1894 a Como, in piazza Cavour, dove la gente si accalcava, rideva, scherzava, aspettando impazientemente l’arrivo della mezzanotte. A casa Rota, invece, Anna attendeva nervosamente che sua sorella partorisse il proprio figlio. Data e luogo, questi, in cui nacque proprio Angelo Rota, tra le grida e la festa per l’anno nuovo. Racconta poi dell’infanzia, della scuola, dei genitori, di un padre che non ha mai conosciuto. Racconta di Como, della Chiesa, del primo lavoro, e della decisione di partire a 14 anni per l’America. Quell’America in cui tutti possono diventare grandi. Quell’America che cambierà per sempre sia la vita di Angelo sia quella di altri cinque milioni di emigranti italiani.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7909 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Mozzarella Dop, Raimondo riconfermato alla guida del Consorzio

Domenico Raimondo inizia il suo quarto mandato alla guida del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop. Ieri pomeriggio, nella seduta d’insediamento del nuovo Consiglio di amministrazione eletto

Attualità 0 Comments

Giornata Mondiale dell’Alimentazione. La Vanvitelli in campo

Claudio Sacco  – L’Università Vanvitelli celebra domani mercoledì 16 ottobre la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, giunta alla 74esima edizione. Il Dipartimento di Scienze e tecnologie ambientali, in via Vivaldi, ha infatti

Primo piano 0 Comments

Ritorno a Caserta, Francesco Piccolo in cattedra al Comunale

Pietro Battarra – Francesco Piccolo sarà a Caserta oggi 21 dicembre alle ore 20,30 al Teatro Comunale. Lo scrittore e sceneggiatore, Premio Strega 2014, porterà in scena “Partire o restare. L’amica

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply