CouchSurfing, da marchio registrato a parola comune!

CouchSurfing, da marchio registrato a parola comune!

Micol Forte*

In un suo fondamentale contributo del 2000, Robert Galisson – celebre teorico della didattica del francese lingua straniera – annoverava i nomi di marca tra gli esempi più eloquenti di sites lexiculturels, ossia tra quelle espressioni linguistiche in cui si concentra la cultura esperienziale condivisa da una determinata comunità di parlanti. In realtà, la variegata categoria dei nomi commerciali era già stata oggetto di alcune riflessioni di taglio linguistico, e lo è tuttora in virtù di quell’osmosi continua che sussiste tra le parole legate alla sfera della pubblicità e del marketing e le parole della quotidianità. Parola del mese è pertanto un marchio registrato o trademark. Si tratta, nello specifico, del nome di servizio CouchSurfing, la cui popolarità se da un lato si è prestata a quel particolare fenomeno linguistico denominato lemmatizzazione, dall’altro è espressione di una precisa epoca storica in cui i tagli alle spese imposti dalla crisi scoppiata tra il 2007 e il 2008 non hanno di certo intaccato il desiderio dei singoli di viaggiare.

Il CouchSurfing è un servizio gratuito di scambio di ospitalità, nato nel 2003 (quindi almeno quattro anni prima dell’inizio della crisi finanziaria ed economica che ha travolto il mondo contemporaneo) e basato su una rete sociale ideata dal programmatore statunitense Casey Fenton: una volta lanciato il sito nel 2004, il successo repentino del servizio offerto può essere spiegato semplicemente ricorrendo al concetto di gift economy, una forma di scambio basata sul valore d’uso dei beni.

Ora, in un’ottica linguistica, la denominazione di matrice inglese presa in considerazione si presenta, da un punto di vista morfologico, come un composto del sostantivo couch ‘divano’ e della -ing form del verbo to surf ‘fare surf’, che letteralmente designa l’azione di “fare surf sui divani”. Da un punto di vista referenziale, invece, se in principio tale denominazione rinviava unicamente alla società Couchsurfing International Inc. che è proprietaria della prima rete di ospitalità, attualmente essa è impiegata per riferirsi a un innovativo modo di viaggiare in cui, attenendosi alla definizione proposta dal Macmillan Dictionary, si pernotta gratuitamente a casa di un’altra persona, generalmente uno sconosciuto (“staying the night at the home of another person, especially a stranger, for free”), il che, in una prospettiva socio-culturale, presenta degli indubbi vantaggi, quali la possibilità di soggiornare senza spese d’alloggio in quasi tutte le località del mondo e l’opportunità di conoscere la gente del posto e di avere uno spaccato di vita locale, mettendo in pratica le lingue straniere qualora ci si trovi all’estero. L’allusione al significato del verbo inglese to surf è dunque doppiamente motivata: infatti, esso non richiama soltanto l’azione di passare da un divano all’altro (invece che da un’onda all’altra) durante l’esperienza del viaggio, ma rimanda anche all’atto di navigare in Internet alla ricerca di tali divani. Tuttavia, l’aspetto che si intende mettere in luce in questa sede è il processo di banalizzazione subito dal nome di servizio CouchSurfing, una banalizzazione che ha permesso che tale denominazione venisse lemmatizzata con un’accezione comune in vari dizionari di lingua inglese, oltre che all’interno del noto portale Reverso.

Seguendo un approccio contrastivo, lo Zingarelli 2012 riporta il neologismo in oggetto (rintracciandone l’origine etimologica nel 2004) con la sua duplice accezione, quella relativa al marchio registrato CouchSurfing® “sito Internet che consente agli iscritti di scambiarsi brevi soggiorni nella propria casa” e quella comune “pratica di effettuare viaggi usufruendo di tale possibilità”.

In sostanza, CouchSurfing, da nome di servizio che era in origine, si è trasformato nel nome comune couchsurfing (trascritto interamente con lettere minuscole), il cui impiego è così frequente – tanto nell’universo anglofono quanto nel nostro Paese – da aver determinato la copresenza di tre varianti grafiche (la forma univerbata, la variante con trattino e la meno comune grafia separata), nonché il conio dei due sinonimi sofa-surfing e couch-hop e del nome d’agente couchsurfer, cui si aggiungono le classiche abbreviazioni proprie alla comunicazione brachilogica del web CS (per couchsurfing) e CSer (per couchsurfer).

*Dottoranda di Ricerca in “Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche” (XXX ciclo) presso l’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

Condividi questo articolo:

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 5543 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Arte

Felicori e Bassolino, incontri ad Arte Fiera da Nicola Pedana

(Enzo Battarra) – Guarda chi si vede. Allo stand di Nicola Pedana all’Arte Fiera di Bologna incontri con i VIP. Il gallerista casertano, in questa 41esima edizione della fiera di arte contemporanea

Condividi questo articolo:
Primo piano

Al Piccolo Cts va in scena Faber la leggenda di De Andrè

Pietro Battarra – Al Piccolo Teatro Cts di Caserta va in scena un nuovo spettacolo voluto dal direttore artistico Angelo Bove. “Faber la leggenda”, questo il titolo. Una rappresentazione con percorsi

Condividi questo articolo:
Stile

La Reggia, lo scalone, la moda, gli artisti. Così nasce Event

James Senese, M’Barka BenTaleb, Gennaro Cosmo Parlato, Pietra Montecorvino e l’attore Marco Palvetti, il Salvatore Conte di Gomorra: questi gli attesi ospiti di “EVENT”, la serata organizzata dallo stilista casertano

Condividi questo articolo:

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply