Da Alterum l’ultimo incontro di Un giorno per la memoria

Da Alterum l’ultimo incontro di Un giorno per la memoria

Claudio Sacco

– Il salotto culturale di Alterum a San Nicola La Strada ha ospitato giovedì scorso l’ultimo dei tre incontri di presentazione dell’antologia “Un giorno per la memoria” della giornalista Anna Copertino ed edita da Homo Scrivens. Ventotto autori per ventotto vittime. Uomini e doalterum - san nicolanne uccisi, anche se del tutto estranei a ogni connivenza con il sistema o altro tipo di malaffare. Durante gli incontri sono intervenuti diversi autori e alcuni dei parenti delle vittime di cui si racconta nel volume. Con Anna Copertino, anche Francesco Clemente, figlio di Silvia Ruotolo. A moderare l’incontro anche per questo ultimo appuntamento la giornalista Maria Beatrice Crisci. Ad accogliere gli ospiti la presidente di Alterum Titti D’Abbraccio che ha organizzato i tre eventi di presentazione e ha ringraziato l’assessore all’Istruzione e alla Scuola Maria Natale del comune di San Nicola che ha dato il patrocinio.

Anna Copertino ha ricordato: “Le storie di 28 vittime della criminalità raccolte in una antologia creata con la partecipazione di 28 autori tra scrittori e giornalisti noti ed anche emergenti, che hanno donato il proprio contributo a favore di un tema purtroppo dolorosamente attuale e che ha radici lontane. Un testo che porta l’introduzione a cura del presidente dell’A.N.A.C. Raffaele Cantone e la prefazione dello scrittore Maurizio de Giovanni, è nato per la memoria delle vittime della criminalità, per rompere silenzi nei confronti delle morti ingiuste ed impossibili da accettare, sia da parte delle famiglie che della collettività. Uomini e Donne uccisi senza motivo, estranei a ogni tipo di legame con il sistema o il malaffare. Morti che vengono definite “uno scambio di persona”, azzardando l’ipotesi assurda dell’errore umano. Ma sempre di criminali si tratta. Più che una presentazione è stato un momento di raccoglimento, di scambio d’affetto anche tra le famiglie delle vittime e tutti i presenti, non solo tra i relatori e l’intero pubblico”. L’evento è stato realizzato in collaborazione con: Ondawebtv, il Corriere di San Nicola, la LIDU(Lega italiana dei diritti dell’uomo) sedi di Napoli e San Nicola la Strada e l’associazione “Gli Allori”. L’evento è stato realizzato in collaborazione con: Ondawebtv, il Corriere di San Nicola, la LIDU(Lega italiana dei diritti dell’uomo) sedi di Napoli e San Nicola la Strada e l’associazione “Gli Allori”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6770 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

E venne il giorno di Renzi. Visita alla Reggia di Carditello

“Dovete andare avanti nel recupero della Reggia di Carditello. Lo Stato è con voi, i fondi per ristrutturarla ci sono. Sta a voi decidere come utilizzarla”. Così il premier Matteo

Arte

Arte, al Mac3 di Caserta c’è un Mimmo Vastano “senza core”

Luigi D’Ambra – È il Mac3, il Museo di Arte Contemporanea della Città di Caserta. È il luogo deputato all’arte e ha una importante collezione di opere dei maggiori artisti del territorio.Oggi giovedì

Cultura

Capua, chiude il Museo Campano? Una catena umana dice no

(Maria Beatrice Crisci)  – “Il Museo Campano di Capua non deve morire”. L’ha scritto OndaWebTv nei giorni scorsi. Oggi venerdì 2 giugno è stata la volta della #catenaUmana davanti a Palazzo Antignano per

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply