Da Caserta a Londra, il pizzaiolo Michele Pascarella al Ferraris

Da Caserta a Londra, il pizzaiolo Michele Pascarella al Ferraris

Redazione

-“A self-made man”, così lo slogan sulla locandina per l’arrivo all’Istituto Ferraris di Michele Pascarella, giovane pizzaiolo casertano. L’appuntamento è per martedì 14 marzo, nell’Aula Magna dell’Alberghiero, e’ qui che Pascarella si è diplomato circa 10 anni fa. E seppur giovane ha già conquistato alcuni traguardi. E’ in 13esima posizione nella 50 Top Pizza Europa del 2022 e, poi, ci sono i due spicchi del Gambero Rosso con cui è entrato a far parte dei “Top Italian Restaurant in UK” 2023. Il giovane pizzaiolo maddalonese, si è realmente fatto da solo, partendo da zero, credendo fortemente nei propri sogni e investendo ciò che aveva di più prezioso per poterli realizzare. Una vera passione la sua coltivata grazie all’ alternanza scuola-lavoro, che gli ha permesso di crescere e formarsi.
Una scommessa imprenditoriale iniziata circa dodici anni fa, quando a soli quattro giorni dal diploma, Michele decise di partire per Londra con un viaggio organizzato dalla scuola, per un’attività di alternanza all’estero. Da lì per Michele è stato un crescendo di meritate soddisfazioni. A soli 20 anni decide di fermarsi a Londra per avviare un’attività. E cos’altro se non offrire ai britannici ciò che meglio gli riusciva? In una terra dove all’epoca l’idea di una pizza a portafoglio era solo un miraggio, Michele allestisce il suo banco da lavoro in un semplice apecar dove, sotto gli occhi attenti della gente, stende, condisce e inforna le sue pizze a portafoglio. Anche l’insegna è una genialata, “Napoli on the road”, uno street food che rimanda immediatamente ai sapori di una terra lontana.
Nell’arco di pochi anni la sua mini-pizza con cornicione alto e condita con ingredienti di ogni tipo, tutti di altissima qualità e made in Italy, riscuote un enorme successo. Nel 2019 realizza il suo progetto di sempre: aprire una pizzeria vera e propria, anch’essa intitolata “Napoli on the road”, situata nel quartiere Chiswick di Londra. Oggi Michele continua ad essere un vulcano di idee e di passione per il proprio lavoro e a confermarlo è la prossima apertura della seconda sede nel quartiere Richmond.
Evidenti, quindi, le sue capacità imprenditoriali che saranno oggetto di confronto con gli studenti del Ferraris con l’intento che il suo esempio possa fungere da stimolo a fare sempre meglio, ad impegnarsi per realizzare i propri sogni, credendo fortemente nelle proprie potenzialità.
L’evento di martedì sarà solo il primo di una carrellata di incontri che l’istituto Ferraris ha organizzato per promuovere e inaugurare il nuovo percorso di formazione in pizzeria, lanciato in risposta alle esigenze del territorio casertano che negli ultimi anni sta vantando il primato di essere all’apice delle classifiche stilate dalle riviste del settore enogastronomico.

About author

You might also like

Attualità

Grassia, un uomo solo al comando del turismo campano

“Con Grassia abbiamo avviato un percorso importante che continuerà con il presidente della Regione Vincenzo De Luca e con l’assessore regionale al Turismo Corrado Matera, per immaginare una nuova programmazione

Attualità

Peppe Daddio, i piatti dello chef casertano ad Uno Mattina Estate

Maria Beatrice Crisci -Lo chef Peppe Daddio anche volto noto televisivo. Frequenti sono i suoi interventi alla trasmissione della Rai «Unomattina Estate». Così proprio nella puntata odierna quando introdotto dal

Arte

Slow in Good, Angelo Marra racconta la terra del Fortore

Claudio Sacco Slow is Good. Angelo Marra racconta la terra del Fortore. Appuntamento il 4 settembre a Buonalbergo. Un lavoro di pancia e cuore quello che verrà presentato a Buonalbergo