Da Caserta a Rimini, il Pandiseta di Daniele Landolfi vola alto

Da Caserta a Rimini, il Pandiseta di Daniele Landolfi vola alto

Claudio Sacco

– È sicuramente una delle eccellenze del territorio casertanPandisetao. Parliamo del Pandiseta, prodotto unico in Italia il cui marchio è stato registrato, nato dalle mani di Daniele Landolfi. Il giovane Daniele ha una lunga formazione come cuoco e fornaio nella Locanda del Borbone di San Leucio di Caserta, accanto al papà Carlo che ha guidato le redini del ristorante dal 2002. Ha continuato poi, con uno dei panificatori più importanti della Campania presidente del Consorzio Unipan. Il Pandiseta sarà presentato domenica 20 gennaio al Sigep 2019. È questa una importante vetrina internazionale, il salone per la pasticceria, la gelateria e la panificazione artigianale  in programma a Rimini Fiera dal 19 al 23 gennaio prossimi. Invero, l’appuntamento mondiale più importante per l’eccellenza di settore, che metterà in luce la bontà di questo straordinario prodotto che ha riscosso un notevole interesse anche con una delle ultime puntate di Linea Verde di Rai Uno registrate a Caserta.

Daniele Landolfi, con il suo laboratorio, spiegherà la preparazione e racconterà la storia di questo pane definito “regale”, dove le radici provengono da un’antica tradizione familiare: gli avi dei Landolfi, quando lavoravano negli storici setifici di San Leucio, avevano la possibilità di portare a casa i tessuti in seta che utilizzavano per ricoprire l’impasto del pane durante la lievitazione. Si trattava di pezzi di filato che si rompevano e non erano più lavorabili sotto gli intrecci dei telai, quindi inutilizzabili. Filati che non alteravano il sapore autentico dell’impasto, ma che oggi lo rendono speciale come allora. Una tradizione ripresa e portata avanti allo stesso modo, con la lievitazione naturale nei canovacci di seta di San Leucio, le pregiate stoffe provenienti dai vicini setifici, quelli del Real Sito Belvedere, il feudo che Carlo di Borbone trasformò in un luogo per lo svago, il divertimento e la caccia e, dove successivamente, Ferdinando IV fece impiantare una delle più prestigiose manifatture reali specializzata nella produzione di seta.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 5768 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Il piccolo Andrea Farina batterista fenomeno al Teatro Plauto

(Magi Petrillo) Quanto fosse al contempo rigoroso e straordinario il musicista e cantautore nostrano Stany Roggiero, quanto  fossero superlativi i “Bottari della cantica popolare” che al tradizionale scandire di ritmi

Food

Il dolce del giorno. La pastiera in un bicchiere

La pastiera in un bicchiere. Il tradizionale dolce napoletano si veste a nuovo, con questo dessert buonissimo da gustare al cucchiaio. Il dolce ci viene proposto dall’Antica Hostaria Massa nel pieno

Attualità

De Luca all’Ospedale di Caserta: “Qui si cammina a testa alta”

Maria Beatrice Crisci  – “Qui si cammina a testa alta. Quella Caserta di due anni fa non c’è più. Stiamo arrivando in questo Ospedale in situazioni di eccellenza nazionale. E

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply