Domenica è libro, una Marilena più che Lucente alla Feltrinelli

Domenica è libro, una Marilena più che Lucente alla Feltrinelli

Marco Cutillo

lucente - feltrinelli 2– Domenica! Si aprono gli occhi e l’odore di torta appena sfornata pervade le narici. Ci si  sente al sicuro, si sente che sarà una buona giornata. È questa, più o meno, la sensazione che si prova arrivando alla Feltrinelli di Caserta in corso Trieste per assistere alla presentazione del libro “E poi torna alla luce con i suoi canti”, pubblicato da Marilena Lucente, professoressa, scrittrice e madre, edito da AnimaMundi.

Ci si sente al sicuro, sarà una buona mattinata. Tra i visi noti e meno noti, si scorge l’autrice indaffarata per gli ultimi preparativi, sorride. Il confronto inizia con Roberto Solofria, attore e regista casertano, che presta voce e corpo alle parole della Lucente. Si prosegue con i saluti di Enzo De Rosa, presidente dell’associazione culturale Liberalibri, per poi passare a Piero Rossano, giornalista incaricato a dialogare con l’autrice.

Il libro, elegante e delicato, è articolato in una serie di brevi riflessioni. Nasce così la volontà di indagare, attraverso una domanda, i motivi per cui Marilena Lucente ha scelto di pubblicare un’opera così intima. «Questa – sostiene l’autrice – era una scrittura privata dell’estate scorsa, un momento molto impegnativo della mia vita. Sono partita da un’immagine, i piedini dei miei nipotini, e mi sono chiesta: ma io a loro che do? Così ho pensato di dare le parole». Da qui in poi è stato un alternarsi di racconti e battute, sogni infranti e recuperati, canzoni, aneddoti, occhi che si fanno lucidi, il tutto accentuato dal clima confidenziale creato dai relatori.

«I sogni  – dice ancora Marilena Lucente – sono il respiro dell’anima, non possiamo vivere senza. La nostra psiche si nutre di immaginazione. Senza non può esistere la materia». La presentazione finisce tra gli applausi. A giochi fatti ci si avvicina a Marilena e le si chiede di fare uno “scippetto” sulla propria copia del libro. Lei accetta cordiale. Ci si allontana pensando, convinti di aver avuto ragione. Sì, è stata una buona mattinata.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9772 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Giornata ProGrammatica, il cinema cambia la vita e la lingua

Maria Beatrice Crisci – La Giornata ProGrammatica è arrivata alla quinta edizione. L’iniziativa che si celebra oggi è realizzata da Radio3 – “La Lingua Batte” insieme con il Ministero dell’Istruzione, Università

Attualità

Caserta in Festa, i ringraziamenti dell’associazione alla città

Redazione -È stata una festa ricca di tanta bellezza impreziosita da frangenti di profonda devozione religiosa, che ha regalato emozioni e allegria in un momento storico non semplice. La voglia

Cultura

Museo Campano, una notte con la musica di Martucci

Maria Beatrice Crisci -Spazio alla musica domenica al Museo Campano. Appuntamento alle 20,15 con «Note sotto le stelle». È questo il titolo del concerto dedicato al grande maestro capuano Giuseppe