Dracula veste casertano, i costumi di Del Prete a suon di rock

Dracula veste casertano, i costumi di Del Prete a suon di rock

Maria Beatrice Crisci

– C’è grande attesa per il ritorno del Dracula Opera Concert. L’appuntamento al Teatro Comunale Costantino Parravano sabato 19 febbraio alle 21. Le musiche sono della Premiata Forneria Marconi, i testi di Vincenzo Incenzo. L’evento fortemente voluto da Gianni Genovese vede sul palco interpreti straordinari: Vittorio Matteucci (Dracula), Davide Benedetti (Jonathan),  Sabrina De Siena (Mina), Fabio Privitera (Renfield), Max Corfini (Seward), Mariagrazia di Valentino (Lucy), Marco Guerzoni (Van Helsing). Coreografie di Desiree Benevieri, audio Massimo D’Avanzo, luci Tommaso Toscano, fotografia Elio Pontillo.

Ma la novità nella novità sono sicuramente i costumi disegnati dallo stilista casertano Michele Del Prete. «I costumi di questa opera – racconta lo stilista che da più di trenta anni opera nel territorio casertano – li ho immaginati in una chiave glam gotica ma con una visione couture e contemporanea. Vittorio Matteucci, nelle vesti di Dracula, è di un’eleganza sobria ed essenziale, come del resto gli altri interpreti, ma con un particolare che lo avvolge e che mette in risalto l’essenza del personaggio. Nella parte di Mina, l’attrice Sabrina De Siena ha un dark look strutturato con pizzo e satin che esprime tutta la femminilità del ruolo. Maria Grazia di Valentino, “Lucy”, con il suo costume racchiude tutto il tema visivo dell’opera. Un look gotico che sprigiona un’allure audace, rigoroso nella sua sofisticatezza. Il fil rouge dei costumi è la scelta del colore cremisi che esprime attraverso le sue nuances il tema che permea tutto lo spettacolo».

È il lontano ottobre 2005 quando esce un nuovo disco della mitica Premiata Forneria Marconi, la PFM! Undici tracce, si intitola Dracula Opera Rock. Da lì a poco ne verrà tratto un musical, anzi la PFM ci tiene a precisare che Dracula non è un musical, ma una vera e propria opera rock, dove la musica ha una sua autonoma ragione d’essere e non svolge un semplice ruolo di accompagnamento della storia.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9785 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

Lorito-Nicolais-Micchetti, un tris d’assi al Consorzio Mozzarella

– Il rettore dell’Università Federico II di Napoli Matteo Lorito è il nuovo presidente del Comitato Scientifico del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop. Con Lorito entra a far parte dell’organismo

Primo piano

Francesco Piccolo a “Che tempo che fa”, è lui l’amico geniale

Maria Beatrice Crisci – Domenica 9 dicembre, ore 20.35, alla trasmissione Che tempo che fa su RaiUno ci sarà lo scrittore casertano Francesco Piccolo, nelle librerie con “L’animale che mi porto dentro”,

Primo piano

Iti Giordani, celebrazioni del centenario della stella al Merito del lavoro

Redazione -ll Centro studi ed alta formazione maestri del lavoro d’Italia ed l’Istituto Giordani di Caserta hanno dato il via alle manifestazioni per il centenario della legge istitutiva che premia