E’ il giorno di Sant’Anna. E’ qui la festa, nella Caserta più antica

E’ il giorno di Sant’Anna. E’ qui la festa, nella Caserta più antica

(Enzo Battarra) – Caserta ha la sua santa patrona. È Sant’Anna e oggi 26 luglio è la sua festa. Anzi, è anche quella di San Gioacchino, ma chi lo ricorda? A dire il vero, la madre di Maria è la copatrona, visto che in città il 20 gennaio si festeggia San Sebastiano. È come avere una festa patronale estiva e una invernale.

Ma nella cultura popolare, nella fede più viscerale della città di Caserta, è Sant’Anna la protagonista, la taumaturgica. La passione nasce nell’antico quartiere della Santella, in quello che un tempo era il Villaggio Torre, il primo segmento della Caserta nel piano. In realtà Santella è la deformazione di “Sant’Elena”, dal nome della chiesa e della strada, oggi via Ferrante, che vi conduceva. Ma proprio in via Ferrante c’è una corta traversa, viella Salomone, che è l’epicentro del culto della santa “vecchiarella”, Sant’Anna appunto. Lì c’è un’edicola che viene apparata a festa in occasione della ricorrenza.

I festeggiamenti sono già iniziati, ma è da stamattina che si è entrati nel cuore dei riti religiosi promossi dall’associazione cattolica degli Accollatori di Sant’Anna, i più devoti alla patrona. Alle 6 del mattino il suono festoso delle campane e il lancio di bombe carta ha svegliato la città, per annunciare la messa celebrata dal rettore del Santuario don Giovanni Gionti. Alle 19,30 la celebrazione sarà presieduta dal vescovo di Caserta Giovanni D’Alise. Al termine della messa il Vescovo impartirà la benedizione alle partorienti. Domani sabato il lancio di bombe carta avverrà alle 8. Ma il clou della festa sarà, come tradizione, nel giorno della domenica successiva al 26 luglio. Quindi, quest’anno il 31. Domenica la messa in piazza alle 6 sarà celebrata dal Vescovo di Caserta, concelebrata dal Rettore del Santuario, da don Michele Cicchella e da altri sacerdoti della Diocesi, con la partecipazione della Corale parrocchiale.

Al termine della Messa avrà inizio la peregrinazio con la statua della Santa per le vie del centro. Alle 18,30 la solenne processione con l’effigie portata a spalle dai soci dell’associazione cattolica Accollatori di Sant’Anna seguendo un altro itinerario cittadino.

Schermata 2016-07-26 alle 09.14.20

Questo il programma essenziale dei festeggiamenti, che sono collettivi, ma che per i casertani hanno anche una forte influenza individuale. Si chiede alla Santa di intercedere per le mille problematiche familiari, per vincere una malattia come per esaudire ogni altro desiderio.

La festa di Sant’Anna, con le sue luci, i suoi festoni, il palco, le bancarelle, assegna a Caserta il suo status meridionale, le ricorda di essere una provincia del Sud, con le sue tradizioni, i suoi sentimenti, i suoi credo. Il rito sacro si consumerà ma lascerà in ognuno una ventata di spiritualità frammista a quel sentimento laico capace di mescolare le pratiche religiose con quella dimensione pagana che persiste e persisterà.

@EnzoBattarra  foto Bruno Cristillo 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7143 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Le passeggiate reali, dalla Fontana di Diana e Atteone al Bosco di San Silvestro

Ancora un appuntamento da non perdere con le passeggiate reali che guideranno i visitatori lungo l’Acquedotto di San Leucio seguendo la rampa sinistra di accesso al Torrione per conoscere l’ “Oasi

Scuola

Inarrestabile Manzoni! Il Liceo 10 e lode, anche per la DAD

«Un’istituzione aperta nei confronti del territorio e della società, di impronta internazionale, in costante dialogo con gli studenti così come con le loro famiglie». «Una scuola che guarda alla formazione

Arte

Darío Basso all’Istituto Cervantes per Culture Migranti

Claudio Sacco  Non solo musica e danza, ma anche arte nell’ambito dell’evento “Culture Migranti”. Infatti, sarà l’artista plastico ispano-venezuelano Darío Basso a presentare all’Instituto Cervantes di Napoli la sua mostra “Húmedo”. Un’

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply