Equinozio di primavera in anticipo, ecco spiegato il perché

Equinozio di primavera in anticipo, ecco spiegato il perché

Tiziana Barrella

-Forse non tutti sanno che quest’anno la primavera è arrivata con un giorno di anticipo rispetto alla tradizionale data del 21 marzo, data notoriamente associata all’Equinozio di Primavera ed a San Benedetto, (2 marzo 480 d.C. / 21 marzo 547 d.C.),  chiamato anche il “sorvegliante dell’Equinozio”. Il famoso monaco, insieme a San Giuseppe (festeggiato il 19 marzo e detto anche il primo sorvegliante) sono collocati proprio all’inizio della nuova stagione per alludere ad una nuova primavera per l’umanità che lasciava quindi definitivamente alle spalle il mondo pagano dell’antica Roma. L’equinozio, dal latino aequinoctium, aequus (uguale ) e nox (notte) “notte uguale”, come tutti sanno, è quel fenomeno astronomico che si verifica due volte l’anno allorquando il Sole si posiziona perpendicolarmente sopra l’Equatore facendo si che, la notte ed il giorno, siano praticamente della stessa durata. Per via del moto di rotazione  che la Terra compie intorno al sole, l’Equinozio di Primavera può verificarsi tra il 19 ed il 21 marzo. Data ed orario cambiano di anno in anno, ed oggi, il fenomeno si verificherà alle ore 22.24. 

La discrepanza temporale deriva dall’acquisizione nel XVI sec. del calendario Gregoriano che dura 365 giorni solari; da un punto di vista astronomico invece il “calendario siderale” dura circa 6 ore in più  ed ovviamente alla lunga, questo divario genera uno slittamento o un’anticipazione di alcune date. L’equinozio di primavera è importante anche nel calcolo della Pasqua cristiana, che similmente alla Quaresima ed al Carnevale, è soggetta al ciclo lunare poiché si festeggia al primo plenilunio dopo l’equinozio. Momento determinante e di passaggio anche per gli antichi popoli, che festeggiavano il risveglio della natura dalla letargia invernale in vario modo. Nell’antico Egitto ad esempio, si festeggiava la festa di Sha mel Nessim, legata alle fasi lunari e simboleggiante il rinnovarsi della vita e la fertilità. Ma l’ingresso della primavera ha anche un’ importante valenza sul nostro organismo, che risente dei cambiamenti in atto in natura esattamente come parte integrante di essa. Sembrerebbe infatti che la maggiore quantità di luce consenta alla seratonina, l’ormone del buonumore, di meglio predisporci alla vita e di essere più euforici, anche se tal cosa non può non “passare” attraverso tutta una serie di malesseri e fastidi, irascibilità compresa, che ci avviano però ad un nuovo processo di “risveglio”.

About author

Tiziana Barrella
Tiziana Barrella 112 posts

Avvocato del Foro di Santa Maria Capua Vetere. Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Giuridico Italiano. Segue numerose attività formative per alcune Università italiane. Svolge docenza e formazione per enti pubblici, privati e università. Profiler e studiosa di criminologia e psicologia comportamentale, nonché specializzata già da anni, nello studio della comunicazione non verbale e del linguaggio del corpo, con una particolare attenzione rivolta al significato in chiave criminologica delle azioni eterolesive ed autolesive, necessarie per la redazione di un profiling.

You might also like

Food

Montesanto foodwalk: cibo, tradizione e digitale

(Mario Caldara) – Può un quartiere o un’intera città essere raccontati attraverso il cibo? Se si pensa a Napoli e alla sua tradizione culinaria, è facile rispondere alla domanda. È

Food

New York, i Civici di Tenuta Fontana nei luoghi di Marilyn

(Beatrice Crisci) – Neanche il tempo di proporre i vini dell’Azienda di famiglia prima all’Italian Pavilion della Biennale Cinema di Venezia e poi nella Casa di Miss Italia a Jesolo,

Primo piano

Green thinking, un’alternativa al covid-19 guardando Vanvitelli

Andrea Sepe – Il “green thinking” è ormai intrinseco al nostro vivere, per la sua estrema rilevanza in ogni sviluppo social-economico e culturale odierno. Si pone come la sfida strategica