Fare impresa nell’era digitale, il libro di Diego Matricano

Fare impresa nell’era digitale, il libro di Diego Matricano

Maria Beatrice Crisci

– “Fare impresa nell’era digitale”, è il titolo del nuovo libro di Diego Matricano, professore associato del Dipartimento di Economia dell’Università Vanvitelli.

«Il volume – spiega il professore Matricano – nasce nell’ambito del corso di “open innovation ed economia digitale”, un corso pensato per presentare agli studenti magistrali di economia il tema della digital business transformation».

Quindi, aggiunge: «Approcciare il tema della digital business transformation secondo una prospettiva manageriale non risulta sempre un compito agevole. Molto spesso, infatti, sia nella prassi che nei più recenti contributi accademici, il tema risulta essere indagato con una connotazione più di natura tecnologica che economica. Vale a dire che la prospettiva di indagine utilizzata è radicata più negli studi di informatica e di ingegneria che di management. Da qui è nata l’esigenza, sempre più forte e viva, di indagare rileggere il tema della digital business transformation secondo una prospettiva esclusivamente manageriale».

Nella prefazione il professore Matricano spiega: «Nel primo capitolo si procederà con una ricostruzione dei tre paradigmi dominanti (che hanno segnato l’evoluzione del fare impresa nel corso del tempo) per poi arrivare all’attuale paradigma dominante: fare impresa nell’era digitale (Industria 4.0). La definizione del paradigma dominante è utile a capire come le imprese devono muoversi in uno scenario che risulta caratterizzato da una fortissima pressione competitiva, da rapidi cambimenti e da profonda incertezza. Pertanto, per le imprese risulta di fondamentale importanza essere in grado di pianificare in maniera attenta e puntuale le proprie strategie digitali».

Infine, l’autore scrive: «Il volume, in conclusione invita studiosi, policy makers e practitioners a riflettere sul fatto che la digital business transformation delle imprese è un processo business-driven e technology-enabled. Per questo motivo essa deve essere sempre letta e interpretata secondo una prospettiva manageriale (business-driven) che viene poi arricchita e completata dagli studi legati al­l’in­formatica e all’ignegneria (technology-enabled)».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6373 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

Settembre al Borgo star, Enrico Ruggeri canterà la sua storia

Claudio Sacco -Alla 48esima edizione di Settembre al Borgo, festival diretto da Enzo Avitabile, grande attesa per il concerto di Enrico Ruggeri (già sold out). Appuntamento venerdì 4 settembre alle

Primo piano

Falsi d’arte, il contemporaneo fa scuola a Pomigliano d’Arco

Regina Della Torre – “Falsi d’arte”. Sarà questo il tema del convegno in programma per venerdì 4 maggio alle ore 10,30 nell’auditorium del liceo Vittorio Imbriani di Pomigliano d’Arco. L’evento

Comunicati

Parrucchieri e centri estetici. Allarme Cna: perso 1/3 del guadagno

Claudio Sacco «Lavorano due ore di più al giorno e hanno sei clienti in meno: questa la giornata tipo di un acconciatore o di un estetista rispetto a prima che

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply