Fate Festival. San Potito diventa multietnica

Fate Festival. San Potito diventa multietnica

E’ questa la San Potito che ci piace. Una “cittadina” sempre più multietnica grazie alla tredicesima edizione del Fate Festival, evento che probabilmente meglio rappresenta la natura multietnica e la forte volontà di incentivare il turismo e la cultura di questa piccola cittadina immersa nel Parco Regionale del Matese.

Il Fate Festival infatti parte dalla volontà di creare a San Potito Sannitico un laboratorio a cielo aperto d’arte, dove questa diventa uno strumento tra gli artisti e gli abitanti di dialogo, in un processo in grado di autosostenersi e autoalimentarsi durante il tempo tramite la forma partecipativa.

In questa edizione, è il giovane il fulcro ed il motore spingente del successo. Infatti, il programma di quest’anno è rivolto, in modo particolare, ai più piccoli per i quali sono previste varie attività di lettura, musica e gioco, oltre e soprattutto di partecipazione al lavoro degli otto artisti che quest’anno si alterneranno in residenza a San Potito. L’intento è stimolare i più giovani alla creatività condivisa.

Nelle scorse giornate, inoltre, alcuni giovani residenti di San Potito Sannitico, si sono organizzati in gruppi, al fine di illustrare e narrare ai tanti turisti accorsi, le opere d’arte realizzate nella passata edizione del Fate Festival, oltre a quelle in corso di realizzazione.

Il sindaco Francesco Imperadore, ampiamente soddisfatto per l’evento afferma: ovviamente per il rilancio di una destinazione non basta la cultura fine a se stessa, altrimenti Atene sarebbe la città turistica per eccellenza. Non basta la testimonianza storica nelle cose, serve lasciare un’esperienza evocativa legata ad essa, creare engagement, che detto in parole comuni significa legame, coinvolgimento, a livello attrattivo locale. A ciò ci stiamo da tempo impegnando, raccogliendo successi e soddisfazioni per la nostra amata San Potito.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9778 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Che opera di Sanmartino! È il bimbo che dormiva nella Reggia

Luigi Fusco – Si è tenuta presso la Sala degli Incontri d’Arte della Reggia di Caserta la conferenza stampa di presentazione dell’inedita piccola statua marmorea, raffigurante un bambino dormiente, attribuita

Primo piano

Tornare a Casa, al Teatro don Bosco si presenta il docufilm

Redazione -Un docufilm che parla di tenacia, di voglia di verità e fondamentalmente di amore, quello realizzato grazie all’impegno di don Nicola Pecoraro, biologo e docente dell’istituto Salesiano Sacro Cuore

Primo piano

Musica alla Reggia. Il maestro Oren cerca comparse

Vuoi vivere da protagonista la grande musica? Questa allora è una occasione da non perdere. La produzione del Nabucco diretto dal Maestro Daniel Oren con gli artisti del Teatro di