Ferragosto alla Reggia. Funziona e come la #curaFelicori

Ferragosto alla Reggia. Funziona e come la #curaFelicori

(Beatrice Crisci) – E anche Ferragosto ha fatto boom. Ormai l’ottima affluenza che si registra alla Reggia di Caserta non fa più notizia. Si potrebbe quasi dire che pure l’apertura straordinaria di Ferragosto ha registrato il “solito” botto di visitatori al Palazzo vanvitelliano. Ma è sbagliato considerare tutto normale, così com’è sbagliato dall’altra parte adagiarsi sugli allori. Questi i numeri: 4631 visitatori, di cui 3537 paganti e 1094 gratuiti. Nel 2015? Il totale era stato di 2823, di cui 2158 paganti e 665 gratuiti. Ovviamente c’è stato un incremento significativo rispetto allo scorso anno. Sono 1808 persone in più, una percentuale di oltre il 64%.

“Credo siamo il museo statale – ha postato Mauro Felicori su Facebook – con il maggiore incremento del 2016; sono dati che parlano da soli e che si devono al dinamismo creato dalla riforma Franceschini, all’impegno di tutti noi (ripeto: tutti noi) che lavoriamo alla Reggia e alla straordinaria attenzione di cui i media ci hanno gratificato; io in particolare sono commosso per l’incoraggiamento che i casertani mi offrono ogni giorno, sincero, appassionato, disinteressato ‪#‎fiduciacaserta‬“.

D’altronde, riconsiderando il computo delle cifre va detto che a Ferragosto 2015 non era ancora iniziata la #curaFelicori.  La nomina di Mauro Felicori a direttore generale, insieme con le altre diciannove, fu comunicata dal ministro Dario Franceschini il 18 agosto.  Il profilo tratteggiato sul sito del Mibact era quello di un manager culturale di 63 anni, nato a Bologna, laureatosi con lode in filosofia, poi specializzatosi in economia della cultura e politiche culturali, direttore del Dipartimento economia e promozione della Città del Comune di Bologna. Ebbene, alla luce dei risultati determinati dalla direzione di Felicori, insediatosi di fatto solo agli inizi di ottobre,  fa sorridere oggi quello che scriveva Tommaso Montanari in data 21 agosto 2015 sul quotidiano La Repubblica: “Sono profondamente preoccupato per il futuro della Reggia di Caserta. Mauro Felicori non è uno storico dell’arte, ma un laureato in filosofia che ha lavorato come dirigente nei settori dell’economia e del marketing culturale, all’interno dell’amministrazione comunale bolognese: cioè in quel mondo del Partito Democratico emiliano da cui proviene lo stesso ministro Franceschini. Non metto in dubbio la qualità della persona: ma si tratta di un curriculum clamorosamente inadeguato alla direzione della Reggia. Quando l’idea dell’autonomia dei musei cominciò a prendere corpo nella Commissione Bray per la riforma del Ministero per i Beni culturali (della quale ero membro), il fine condiviso era quello di fare finalmente dei nostri musei dei centri di ricerca: cioè dei luoghi di produzione e di redistribuzione della conoscenza. Ma una nomina come quella di Felicori stronca in radice questa possibilità: ed è francamente deprimente dover dire ai giovani napoletani che studiano arte e architettura barocche che  –  se sperano un giorno di dirigere la Reggia di Caserta  –  dovranno cambiare studi, e sperare di passare prima per l’amministrazione comunale giusta”.

Beh, i fatti sono andati diversamente…

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7140 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

PulciNellaMente, cerimonia al Lendi con Alessandro Siani

Claudio Sacco – PulciNellaMente, la rassegna nazionale di Teatro Scuola, vivrà domenica 29 aprile un altro momento di grande emozione con la Cerimonia di Premiazione. A partire dalle 10 il

Primo piano

Porte aperte alla Reggia, visite possibili dal lunedì al venerdì

La Reggia di Caserta pronta ad accogliere i visitatori in sicurezza. Il Complesso vanvitelliano riapre con grande gioia le sue porte, dopo oltre due mesi, lunedì 18 gennaio. Come da disposizioni giunte ieri

Primo piano

Caserta, al Duel Village un film d’impegno premiato a Cannes

Pietro Battarra – Nuovo appuntamento con il cineforum di Duel Village e Caserta Film Lab. Stavolta il tema trattato sarà impegno civile e attivismo, argomenti questi del film “120 battiti

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply