Ferragosto tra sacro e profano, le tradizioni si confrontano

Ferragosto tra sacro e profano, le tradizioni si confrontano

Luigi Fusco

– Tra musei, mare e processioni in onore dell’Assunta. Dopo due anni di restrizioni da covid-19, il ferragosto casertano si è reimpossessato delle sue tradizioni sacre e profane.
Nelle frazioni del capoluogo di Terra di Lavoro, in particolare presso le località di Falciano e del Mezzano, le effigi della Beata Vergine Assunta hanno ripreso il loro solenne cammino tra i fedeli in festa e per le strade dei loro paesi contornate da scenografiche luminarie.
Non solo a Caserta, ma anche nei centri più importanti della provincia sono state rispettate le celebrazioni in onore dell’Assunta. A Santa Maria Capua Vetere, nel giorno della vigilia di Ferragosto, la Madonna, insieme a San Simmaco, è stata portata in processione per le strade della città. Per l’occasione è stato riproposto anche lo storico incendio del campanile con fuochi d’artificio e musica in sottofondo.
Pieni anche i musei ed i siti archeologici del casertano. In tanti sono stati i turisti, italiani e stranieri, che a partire dal giorno di San Lorenzo hanno invaso il Belvedere di San Leucio, il borgo medievale di Casertavecchia, l’Anfiteatro Campano e, soprattutto, la Reggia di Caserta.

Mostra Frammenti di Paradiso


Ad attrarre migliaia di visitatori al plesso vanvitelliano sono stati, come sempre, i giardini e gli appartamenti storici, ma anche la mostra “Frammenti di Paradiso” e l’esposizione dedicata alla “ritrovata” scultura del “Real Infante Carlo Tito di Borbone” di Giuseppe Sanmartino.
Bene è andata anche la presenza di pendolari lungo la costa casertana.
Le zone di Mondragone, Baia Domizia e Castelvolturno sono state le mete preferite dei locali che hanno deciso di trascorrere il ferragosto in spiaggia per godere del bel tempo ritornato dopo giorni di incessanti perturbazioni, i cui fenomeni hanno recato non pochi danni in diverse cittadine della provincia.
Chi è rimasto a casa non ha rinunciato al classico pranzo ferragosto.
Come da consuetudine le tavole sono state imbandite con i piatti più tradizionali: dagli antipasti alla pasta al forno, passando per secondi di carne alla brace o di pesce, senza dimenticare i contorni con al centro il superlativo “puparuol mbuttunat”, per finire poi con dolci, gelati e i taralli dell’Assunta.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 739 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Attualità 0 Comments

Capua, assemblea sindacale della segreteria Uil Scuola Rua

Luigi Fusco -Enorme e sostenuta è stata la partecipazione dei docenti e del personale ATA, delle scuole di ogni ordine e grado dei distretti 17-20-21 e 23 della provincia di

Primo piano 0 Comments

Maria Amelia Monti e Marina Massironi, due donne in Salotto

Claudio Sacco – Sabato 6 novembre alle 18,30 al Teatro Comunale di Caserta il secondo appuntamento del ciclo “Il Salotto a Teatro”, la serie di incontri tra i protagonisti della

Spettacolo 0 Comments

Capua. Sconosciuti va in scena al FaziOpenTheater di Capua

Luigi Fusco -Undicesimo spettacolo teatrale in cartellone a Palazzo Fazio a Capua nell’ambito della IV edizione del FaziOpenTheater 2021-2022 – Rassegna Nazionale di Teatro – Danza – Arti Performative, ideata

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply