Festa della Liberazione a Caserta, lungo il corso della storia

Festa della Liberazione a Caserta, lungo il corso della storia

Maria Beatrice Crisci

– Un tempo la città di Caserta era il suo corso, il corso Trieste. La città nel piano si divideva in quella al di qua e in quella al di là del corso e della Reggia, la Caserta cisreggia e la Caserta transreggia. Da una parte il nucleo storico della città, il Villaggio Torre, via San Carlo, fino ad arrivaWhatsApp Image 2019-04-25 at 10.36.48re ai colli tifatini, alla Casa Hirta, a San Leucio. Dall’altra la piazza di Sant’Anna, i binari ferroviari, il quartiere Acquaviva, proseguendo verso San Nicola e a San Marco, in direzione Napoli. Erano le due facce della stessa medaglia, erano le due città. Oggi 25 aprile il corso Trieste è stato ancora una volta l’asse ai cui poli, anche abbastanza ravvicinati, si è condensata la storia della città. Alla Reggia le file di turisti per godere del Monumento vanvitelliano complice la giornata francamente primaverile. Al Monumento ai Caduti la cerimonia per il 74 esimo anniversario della Liberazione. Una Festa legittima, evocativa, per certi versi commovente. Presente una nutrita rappresentanza della comunità casertana, quella quota che ancora rispetta i valori della Resistenza, e poi le istituzioni, a partire da quelle militari, così solidamente legate alla Caserta delle caserme. E il corso Trieste è stato ancora una volta il filo che ha legato la storia e le storie della città. La cerimonia della Liberazione tenutasi al Monumento ai Caduti ha nel Monumento vanvitelliano il luogo che in pratica l’ha generata, anche se la cronologia è lievemente falsata. Infatti, fu nella Reggia che il 29 aprile 1945 venne sottoscritto l’atto intitolato Strumento di resa locale delle forze tedesche e delle altre forze poste sotto il comando o il controllo del Comando Tedesco Sud-ovest, meglio noto come Resa di CasertaLa firma avvenne alla presenza di ufficiali delegati inglesi, americani, tedeschi e di un osservatore russo. Era una resa incondizionata che sarebbe diventata operativa a partire dal 2 maggio. Fu quello l’atto formale conclusivo che sancì la fine della campagna d’Italia e la definitiva sconfitta delle forze armate nazifasciste durante la seconda guerra mondiale. Ecco perché il corso Trieste di Caserta diviene il corso della storia. In mattinata poi l’apertura di Palazzo Acquaviva sede della Prefettura – UTG di Caserta con visite guidate ai saloni di rappresentanza e alla Quadreria. Guide d’eccezione gli studenti del Liceo Classico Pietro Giannone di Caserta.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7639 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Editoriale 0 Comments

25 novembre, la giornata per dire no alla violenza sulle donne

Tiziana Barrella * – Emulazione? Crollo dei valori? Mancato rispetto della vita? Cosa scatena l’ira e la violenza sulle proprie compagne, sulle madri dei propri figli, su giovani ragazze o

Primo piano 0 Comments

Giornata Mondiale dell’Acqua. L’impegno della Lipu Caserta

(Maria Beatrice Crisci) – «L’edizione 2017 della Giornata Mondiale dell’Acqua indetta dall’Onu, che si celebra a marzo, riguarda la questione delle acque reflue, ovvero quelle contaminate da attività domestiche, industriali e

Primo piano 0 Comments

L’Elmo di Casanova. Sgarbi a Capua per la inaugurazione

(Antonella Guarino)    Sarà il critico d’arte Vittorio Sgarbi a consacrare nella storia l’Elmo di Fieramosca. L’opera monumentale di bronzo ideata da Arturo Casanova per la città di Capua sarà

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply