Finite le scuole. La vacanza diventa un rito cittadino sempre più notturno

“La bella estate” non è solo il ricordo di Cesare Pavese, ma è anche quello che si aspettano tutti gli studenti alla fine dell’anno scolastico. Tranne quelli alle prese con l’esame di maturità, i ragazzi degli istituti superiori, soprattutto i più grandi, hanno voglia di buttare all’aria i libri e sognano che questa sia la “loro” estate, quella delle vacanze avventurose, fatte di incontri e di scoperte, di nuove sensazioni, di emozioni.

Schermata 2016-06-10 alle 12.22.15

Chi si sta avvicinando alla “notte prima degli esami” è invece legittimamente preoccupato per la prova finale e già si interroga sul suo futuro universitario. In questi giorni l’ansia da esame prende il sopravvento sulla progettazione delle vacanze, ma da qui a un mese, risolta la pratica, tutti i “maturati” si tufferanno in quella che dovrà essere per loro la “grande estate”, quella che segnerà il confine tra la scuola superiore e l’Università.

Tranne loro, dunque, tutti gli altri degli istituti superiori sono legittimamente già in vacanza. Molti hanno concluso il ciclo di interrogazioni da pochi giorni e ora sono inclini all’otium, neanche tanto letterario. Magari propendono per qualche film o qualche concerto. Tanti riscoprono il gusto delle partitelle di calcio e di basket, riscoprono la piscina, corrono, vanno in bicicletta. E poi c’è il grande calcio che non va mai in vacanza. Per gli appassionati e gli insonni ci sono le competizioni degli Europei e della Copa America, un’overdose televisiva. E c’è anche il calciomercato a tenere banco. Insomma, per tutti, ma soprattutto per i più pigri, la televisione non farà mancare le sue capacità attrattive.

Per i ragazzi, poi, l’estate significa poter vivere la notte, poter posticipare l’ora della ritirata. L’abitudine, durante l’anno scolastico, di tardare solo nei weekend, durante la bella stagione diventa consuetudine quotidiana. Si entra in una sorta di sabato continuo, in una giostra fatta di peregrinazioni urbane da un posto all’altro. La movida estiva ha in questi giovani nomadi notturni la sua essenza, fin quando non ci saranno le ferie balneari, quelle sempre più brevi, sempre più occasionali.

La vacanza è diventata, infatti, un rito cittadino e i tanti locali della città si sono attrezzati ad accogliere il popolo dei vacanzieri urbani. La nuova generazione ha imparato a respirare la città di notte e a divertirsi on the road.

@BeatriceCrisci

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7171 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Editoriale

Giornata del Contemporaneo, quale sarà mai l’arte post-covid?

Luigi Fusco -Tutto chiuso e fermo, per il momento. Sono questi i due sostantivi che con determinazione hanno definito gli attuali processi culturali ed artistici mondiali; entrambe termini che sono

Editoriale

Terremoto quarant’anni dopo, oggi più che mai “Fate presto”

Maria Beatrice Crisci “Fate presto”. Quel titolo del quotidiano “Il Mattino” all’indomani del terremoto in Irpinia del 1980 suona ancora, quarant’anni dopo, come un monito e riecheggia nelle sale della Reggia

Food

Il fico, quel dolce fiore tentatore da gustare come frutto estivo

Marcellino Monda – Lo sapevate che noi mangiamo non già i frutti dell’albero di fico, ma i fiori? Le piante di fico si distinguono in esemplari femmine ed esemplari maschi;

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply