Francesco Cicino da Caiazzo, stella del Rinascimento campano

Francesco Cicino da Caiazzo, stella del Rinascimento campano

Luigi Fusco

– Presso il Museo e Gallerie Nazionali di Capodimonte in Napoli è esposta una pregevole tavola lignea, della fine del Quattrocento, raffigurante la Madonna in trono con il Bambino tra i santi Battista e Caterina. Per quanto guasta in alcune parti, dal punto di vista compositivo l’opera conserva ancora una freschezza stilistica e cromatica ascrivibile a modelli pittorici di ascendenza “umbro-romana”.

Il fondo dorato, le umanizzate pose dei personaggi raffigurati, la resa elegante delle loro acconciature e delle loro vesti, sono tutti elementi presi in prestito da alcuni capolavori dipinti da grandi maestri del primo Rinascimento: da Perugino ad Antoniazzo Romano, passando per il Pinturicchio.

Numerosi sono stati i nomi avanzati, dalla critica, in merito all’attribuzione di questa tavola; attribuzioni che, negli ultimi decenni, sono confluite verso un’unica personalità artistica, di origine campana, del tempo: il caiatino Francesco Cicino, di cui sono noti anche altri lavori sparsi tra la provincia di Napoli e quella di Caserta.

Il quadro di Capodimonte rientra, sicuramente, tra le sue opere più interessanti, poiché, oltre i soggetti raffigurati, è presente un particolare figurativo di non poco conto, anche se la sua visione risulta essere abbastanza compromessa a causa della perdita di una considerevole porzione dell’originaria pellicola pittorica. In merito, sotto il trono della Madonna era presente un angelo conciliatore intento a metter pace fra due contendenti. Trattasi di un singolare elemento iconografico, la cui attestazione rimanda alle antiche celebrazioni liturgiche che venivano approntate per la Festa del Perdono; ricorrenza ancora oggi osservata nel giorno dell’Annunciazione alla Vergine, cioè il 25 marzo, e che per l’occasione prende il titolo di Regina Pacis.

Il dipinto del Cicino, non a caso, era stato realizzato per la cappella, oggi non più esistente, della Madonna della Pace stante all’interno della Chiesa dell’Annunziata di Napoli.

Per quanto concerne, invece, l’origine della Solennità dedicata del Perdono, la sua istituzione risaliva a Mosè, e tuttora è celebrata dagli ebrei nel mese di Tishri, secondo il tradizionale calendario ebraico. Tale celebrazione venne, poi, recuperata da San Francesco d’Assisi e la sua pratica venne confermata, agli inizi del XV secolo, dall’allora anti Papa Giovanni XXIII.

La rievocazione del Perdono venne definitivamente riconosciuta tra le liturgie più significative della Chiesa di Roma nel 1458 dal pontefice Pio II, il quale, oltre a concedere ai fedeli l’indulgenza plenaria, ne associò il culto all’interno dei complessi religiosi già intitolati alla Santissima Vergine Annunziata.

Luigi Fusco – Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8830 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Arte

“Naples. Sense of place”, la mostra fotografica di Alex Trusty

Luigi Fusco -Una nuova mostra fotografica è in corso al Museo Nazionale Archeologico di Napoli. “Naples. Sense of place”, è il titolo dell’esposizione che comprende 52 scatti realizzati da Alex

Primo piano

La città che vorrei. Caserta post Covid, la premiazione online

Claudio Sacco -E questo pomeriggio alle 17 in diretta online la premiazione del concorso «La città che vorrei dopo il covid 19».  E’ questo il concorso di idee rivolto alle

Comunicati

Rotary club Caserta Terra di Lavoro. Ianniello presidente

-Cambio della guardia al vertice dello storico Rotary club Caserta Terra di Lavoro 1954. Passaggio del collare tra il presidente uscente Giusto Nardi ed il neo presidente Giuseppe Ianniello. Tra