Francesco II di Borbone sarà beato, un re dall’animo molto pio

Francesco II di Borbone sarà beato, un re dall’animo molto pio

Luigi Fusco

– La Conferenza Episcopale Campana ha concesso il nulla osta per l’avvio del processo di beatificazione di Francesco II di Borbone, le cui spoglie sono custodite nella Chiesa di Santa Chiara a Napoli. La decisione è giunta a seguito di una serie di sessioni svoltesi presso il Tribunale diocesano per le Cause dei Santi, dove sono state presentate circa quaranta testimonianze, sostenute soprattutto dalla Fondazione Francesco II delle Due Sicilie, riguardanti la santità mostrata in vita dall’ultimo sovrano dell’ex Regno del Mezzogiorno.

Primogenito di Ferdinando II e di Maria Cristina di Savoia, Francesco II era nato nel 1836 nella capitale partenopea, vedendo la luce all’interno del maestoso Palazzo Reale. Rimasto subito orfano della madre, morta dopo quindici giorni dal parto. Crebbe, comunque, in un clima familiare sereno, insieme alla matrigna Maria Teresa d’Austria e ai suoi numerosi fratellastri.

Come ai suoi predecessori, gli venne impartita un’educazione marziale e, allo stesso, tempo religiosa; anche se, particolare interesse il giovane principe mostrò maggiormente verso gli studi teologici, in quanto, sin da ragazzino, era rimasto affascinato dagli insegnamenti dottrinali e spirituali ricevuti dai padri scolopi. Nel corso della sua vita, oltre a esser rispettoso nei confronti della Chiesa e delle sue ricorrenze, mostrò sempre una singolare e sentita devozione nei confronti della madre, la cui beatificazione è avvenuta nel 2014. Maria Cristina, detta la “santa”, nel corso della breve esistenza era stata una donna pia, impegnata in numerose opere di carità e dedita a veri e propri esercizi spirituali.

Nel 1859 Francesco convolò a nozze con Maria Sofia di Wittelsbach, sorella della principessa Sissi, mentre, poco dopo, a seguito della prematura morte del padre ascese al trono. Con l’incoronazione, il giovane Francesco si trovò catapultato nel turbinio di vicende che, ormai da tempo, stavano attraversando l’Italia intera e che avrebbero portato alla sua unità. Nonostante la strenua difesa di Gaeta, ultimo baluardo del regno, il 13 febbraio del 1861 si trovò costretto a capitolare, al fine di evitare un ulteriore bagno di sangue ai suoi soldati e ai suoi sudditi.  Esule, restò per un certo periodo a Roma, poi all’estero, per poi concludere la sua esistenza, nel 1894, ad Arco di Trento. Nel corso del suo lungo peregrinare mantenne sempre un certo riserbo, conducendo un tipo di vita completamente consacrata alla preghiera e alla contemplazione di Dio, senza mai provare odio o rancore, neanche verso chi gli aveva usurpato, molti anni prima, il tanto amato Regno napoletano.

Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7297 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

DOC Campania, le eccellenze regionali da portare in tavola

-Apre in via Turati 87 Caserta “DOC  Campania”. Di Origine Campana  vuole essere il punto d’incontro tre la domanda del cultori del mangiar bene e sano e  l’offerta dei piccoli

Primo piano 0 Comments

Capua, le Ferrari in visita al Museo Campano per l’Unicef

“Abbiamo pensato con l’Unicef di festeggiare due importanti anniversari. Il raduno quest’anno compie cinque anni e l’Unicef settanta. Per noi la somma di questi due numeri dà zero, perché zero

Attualità 0 Comments

Covid -19. Il Rotary Club Capua Antica e Nova si mobilita

Claudio Sacco -Numerose sono le iniziative solidali che si stanno organizzando e portando avanti sul nostro territorio e all’appello non poteva di certo mancare il Rotary Club Capua Antica e Nova che

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply