Gaffe britannica: come il Sud è percepito all’estero

(Mario Caldara) – Gli ultimi giorni sono stati burrascosi, mediaticamente parlando, per i napoletani, i siciliani ma, sarebbe più corretto dire, per gli italiani. Quanto avvenuto è già noto a tutti, per la risonanza che ha avuto in tutto il paese, superandone anche i confini. In Gran Bretagna, da un semplice meccanismo burocratico, qual è l’iscrizione online a una scuola, alla voce “nazione di appartenenza”, sono state constatate diverse categorie di italiani: italiani, napoletani, siciliani. L’indignazione della parte offesa (non si sa quanto “il resto degli italiani” l’abbia presa male, ma ci si arriverà) non si è fatta attendere, e anche giustamente. Così come puntuali sono state le scuse britanniche. Ciò su cui si vuole riflettere, ora, è la causa scatenante di questo episodio imbarazzante. Alcuni l’hanno – ingenuamente – affibbiata a un’eccessiva precisione tipica dello stile inglese ma, fosse così, non si spiegherebbe l’assenza delle restanti diciotto regioni.

schermata-2016-10-15-alle-00-13-31Altre voci, invece, hanno detto qualcosa di più interessante su cui è bene ragionare, parlando di stereotipi legati all’ignoranza. Cosa vuol dire? Molti stranieri (a meno che non leggano Eco e Saviano, per fare due illustri esempi – ma in tal caso il livello culturale sarebbe di un certo spessore), se sentono parlare di italiani, hanno in mente ciò che più salta all’occhio, vale a dire imbrogli politici, appalti truccati o il “bunga bunga”, mentre associano i napoletani o i siciliani alla criminalità organizzata, prima ancora che al mare. Una realtà ingiusta ma pur sempre una realtà e, in quanto tale, ingombrante, creatrice dello stereotipo di cui si accennava poc’anzi. Per fortuna, i tanti stranieri che ci fanno visita scoprono che siamo perlopiù normali, onesti e, soprattutto, ospitali (tranne alcuni casi, ma quelli sono ovunque). E cosa ne è degli altri, di quelli che non hanno la fortuna di vedere con i propri occhi? Gli altri sono vittime delle generalizzazioni, delle semplificazioni, perché, sostanzialmente, non conoscono. In tal senso, i media, capaci di coprire qualsiasi distanza, dovrebbero aiutare maggiormente e, in questa ottica l’imbarazzo britannico dovrebbe essere provocato molto più che da una semplice caduta di stile. È dimostrazione di un’ignoranza a dir poco inaspettata, intesa come non conoscenza, considerato che si parla di un paese avanzato e multiculturale, che fa dell’unione tra le diversità un caposaldo.

schermata-2016-10-15-alle-00-13-50

Un altro dato da affrontare è la puntuale indignazione italica. In Italia ci s’indigna facilmente, i carri dei vincitori diventano in fretta quelli dei perdenti e così via. Sarebbe interessante capire se le “parti lese” includano anche il resto d’Italia, e non solo la Campania e la Sicilia. Che il nostro paese non sia poi così coeso è un fatto. C’è uno spaccato interno che dimostra quanto un bel po’ di cittadini del settentrione non vedano di buon occhio i meridionali. Molte sono le storie di professionisti che hanno dovuto faticare il doppio per affermarsi al Nord, solo perché napoletani, calabresi o siciliani. Il termine dispregiativo “terrone” non è stato abbandonato, mentre i pregiudizi verso la gente del mezzogiorno, chissà per quale motivo, sono ancora oggi attualità. Per non parlare dei cori da stadio offensivi inneggianti il Vesuvio o il razzismo che arde come il fuoco in alcuni contesti cittadini. Offendersi e indignarsi è legittimo, ma sarebbe ancor più importante liberarsi di certe mentalità retrograde, che paiono come tracce indelebili sparse lungo lo stivale. D’altronde è un controsenso aspettarsi una sorta di correttezza dall’esterno, se all’interno si fa l’opposto. Sarebbe come voler insegnare agli altri le buone maniere, senza metterle in pratica in prima persona.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Arriva la primavera e … si “colora il Benessere”

Marcellino Monda* Una sana abitudine nutrizionale prevede 5 porzioni al giorno di verdura e frutta, ognuna di un diverso colore. Il peso di ogni porzione si aggira tra i 200

Cultura 0 Comments

Da San Nicola a Babbo Natale, il buon uomo dalla lunga barba

Luigi Fusco – Il 6 dicembre è la data del dies natalis di Nicola di Myra, tra i santi più venerati nel Mezzogiorno d’Italia, ma anche nel resto del mondo.

Primo piano 0 Comments

24 giugno, San Giovanni. Questa la notte più magica dell’anno

Augusto Ferraiuolo* – È bene ricordare fin da subito che la festività di  San Giovanni cade in prossimità del solstizio d’estate in quell’ottica sincretica che non può non caratterizzare le

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply