Giornata della Poesia, come un abbraccio collettivo e virtuale

Giornata della Poesia, come un abbraccio collettivo e virtuale

Maria Beatrice Crisci

-Nella Giornata mondiale della Poesia che coincide con l’inizio dei primavera ci piace pensare che la poesia renda liberi. Per questo, oggi più che mai, la Poesia deve essere un abbraccio collettivo, una mano tesa verso chiunque ci sia, là fuori, non importa dove. Verso un mondo che sta appena imparando a deambulare, nei giorni dell’incertezza. Facciamo che questa primavera lasci un segno indelebile nelle generazioni che verranno. In tutti noi. La poesia non si arrende. Non si ferma. Non desiste. Come l’uomo, come tutti noi, scopre se stessa quando si misura con l’ostacolo.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6914 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

C’è un eroe di marmo nella Reggia di Caserta, è l’Ercole latino

Luigi Fusco – Gloria Virtutem post Fortia Facta Coronat. È il testo in latino inciso sul basamento dell’imponente Ercole latino, scultura collocata nella nicchia centrale del vestibolo inferiore della Reggia

Editoriale

No logo, l’insostenibile leggerezza del brand Reggia di Caserta

Enzo Battarra – No logo è un saggio della giornalista canadese Naomi Klein, pubblicato nel gennaio del 2000. Il libro si occupa principalmente del fenomeno del branding. La Reggia di Caserta comunica da sola, la sua forza

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply