Giornata Mondiale senza tabacco. Diminuito il consumo nel lockdown

Giornata Mondiale senza tabacco. Diminuito il consumo nel lockdown

Il 31 maggio è la Giornata mondiale senza tabacco.
Quest’anno l’Organizzazione mondiale della Sanità ha scelto di dedicare questa giornata ai più giovani. 
Circa 93 mila morti l’anno in Italia, poco meno di 10 milioni di fumatori dai 14 anni in su e un incremento delle patologie tumorali legate al tabagismo sono la sintesi del report annuale “Prevenzione e controllo del tabagismo” del Ministero della Salute.
In occasione della giornata senza tabacco la Lilt, Lega Italiana per lotta contro i tumori offre nuove opportunità per dire addio alla sigaretta.

L’OMS vuole sfatare alcuni miti sul tabacco per fornire ai giovani conoscenze e strumenti per fare scelte di vita salutari e non cedere alle lusinghe di prodotti gravemente nocivi per la salute.

L’uso di tabacco è responsabile del 25% di tutti i decessi per cancro a livello globale. La nicotina e prodotti del tabacco aumentano anche il rischio di malattie cardiovascolari e polmonari. Oltre 1 milione di persone muoiono ogni anno per l’esposizione al fumo passivo.

Scelte salutari sono particolarmente importanti in questo momento poiché i primi studi disponibili mostrano un rischio di malattia Covid-19 più severa tra i fumatori. L’OMS invita, pertanto, tutti i giovani a unirsi per diventare una generazione senza tabacco.

Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), durante il lockdown sono diminuiti i fumatori di sigarette tradizionali, ma sono aumentati i consumatori di tabacco riscaldato e sigaretta elettronica (e-cig), alto il numero anche di chi li ha provati per la prima volta proprio durante questo periodo. Tra i fumatori di sigarette tradizionali chi non è riuscito a smettere ha invece aumentato il numero di sigarette fumate. I dati sono stati presentati nel corso del convegno annuale dell’ISS, che quest’anno, a causa della pandemia Covid-19, si è tenuto in streaming. 

Durante il lockdown la prevalenza dei fumatori è passata dal 23,3% al 21,9%. 1,4 punti percentuali in meno che corrispondono ad una stima di circa 630 mila fumatori in meno (circa 334 mila uomini e 295 mila donne). Rispetto alle fasce d’età hanno cessato il consumo di sigarette circa 206 mila giovani tra 18-34 anni, 270 mila tra 35 e 54 anni e circa 150 mila tra 55 e 74 anni. Inoltre un altro 3,5% della popolazione pur non cessando completamente il consumo dei prodotti del tabacco ha diminuito la quantità consumata. 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9778 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

Turismo, finanziato il progetto Potiam nell’area del Matese

-Il Ministero del Turismo ha approvato e finanziato per 2 milioni di euro “POTIAM”, il progetto di “Promozione dell’Offerta Turistica Integrata dell’Area del Matese” presentato dal Gal Alto Casertano nell’ambito

Primo piano

Vanvitelli per l’Arte. Varco, la collezione donata all’Università

Claudio Sacco – Il titolo è “Varco” ed è l’acronimo del progetto “Vanvitelli per l’Arte Contemporanea”. Lunedì 7 maggio l’Aulario di via Perla a Santa Maria Capua Vetere ospiterà a

Comunicati

Prevenzione. Il Club Rotary Caserta per il rischio cardiologico

-ll club Rotary Caserta Terra di lavoro 1954 presieduto da Giuseppe Ianniello continua a sostenere le attività del suo Punto Rotary. Domenica 8 presso la piazzetta San Sebastiano in via