Giovedì al Museo Campano. La lectio di Gennaro Carillo

Giovedì al Museo Campano. La lectio di Gennaro Carillo

Claudio Sacco

– Il ciclo di incontri dal titolo “Giovedì al Museo Campano” si prepara al terzo appuntamento. Protagonista sarà Gennaro Carillo, professore ordinario di Storia del pensiero politico al Suor Orsola Benincasa e alla Federico II, studioso di filosofia classica e raffinato cultore di letteratura moderna. La sua lectio avrà come tema una citazione dall’opera filosofica «De gli eroici furori» di Giordano Bruno: «Pormi da me stesso in bando. Riusi moderni di favole antiche». L’appuntamento è per oggi alle ore 17,30.

museo campanoRicordiamo che il ciclo di incontri sul tema «Connessioni tra miti e storia dall’antico al contemporaneo» è promosso dall’Università Luigi Vanvitelli. La prorettrice alla cultura Rosanna Cioffi al Mattino ha dichiarato: «Gennaro Carillo interverrà su uno dei temi più classici e durevoli della mitologia occidentale: la metamorfosi come castigo per la trasgressione di un divieto di vedere. Con particolare riferimento alle storie di Tiresia e Atteone, ci s’interrogherà sul timore superstizioso degli antichi verso la pericolosità e la peccaminosità intrinseche della visione, di per sé profanante. Il tema sarà svolto in un costante, e vertiginoso, andirivieni tra versioni classiche dei miti e loro riscritture moderne e contemporanee, non necessariamente intenzionali. Il discorso sul mito come immagine mentale, o anche archetipo, sarà contrappuntato da qualche piccolo esempio della sua fortuna iconografica, tra pittura e cinema. Parlerà di Giordano Bruno, ma anche di Marcel Proust e di Michelangelo Antonioni».

L’incontro si terrà nella sala delle conferenze di Palazzo Antignano a Capua. Protagonista, tra i vari esempi, il mito di Diana sorpresa al bagno dal cacciatore Atteone che, trasformato per punizione divina in cervo, morirà sbranato dai suoi stessi cani. Questa iconografia viene celebrata nella straordinaria fontana del Parco della Reggia di Caserta. Carillo sottolinea: «L’immaginario dei moderni attinge a piene mani ai miti classici. Ci si interrogherà sui riusi di alcuni miti di metamorfosi animale».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7516 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Fine tour per il Principe Abusivo, ultima fermata il Palamaggiò

(Maria Beatrice Crisci) – “Il Principe Abusivo” conclude il suo tour teatrale a Caserta. Venerdì 28 aprile alle ore 21 l’ultima tappa al Palamaggiò. In scena ci sarà l’irresistibile coppia

Cultura 0 Comments

Com’è libero quel forum sul libro! Calvino rampante da Guida

(Magi Petrillo) – “Liber” come “libro”, ma anche come “libero”.  La Libreria Guida è legittimamente il forum, il “mercato” del libro, ma il Liber-Forum è il luogo della discussione, forum sul

Primo piano 0 Comments

Ferraiuolo ha raccontato favole, Civico 14 ne fa videoracconti

Maria Beatrice Crisci -A partire dal 24 dicembre inizia il progetto «I racconti meravigliosi», ovvero fiabe e storie popolari casertane raccolte dall’antropologo Augusto Ferraiuolo in collaborazione con Mutamenti / Teatro

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply