Gli occhi di Claudio, la onlus che volge lo sguardo agli invisibili

Gli occhi di Claudio, la onlus che volge lo sguardo agli invisibili

Alessandra D’alessandro

– «Pochi in questo periodo storico hanno la possibilità di vivere in serenità. La pandemia ha tolto il diritto al lavoro, e se si aggiunge questo al numero di persone disoccupate che vivono grazie al nostro supporto si possono immaginare le difficoltà che viviamo nel provare a limitare il disagio di queste famiglie». Queste le parole di Pasquale Lamagna, vice-presidente della onlus “Gli occhi di Claudio”. È questa l’organizzazione di volontariato che opera sul territorio casertano e napoletano dal 2011.

L’associazione nasce dalla voglia di celebrare l’amore per il prossimo di un ragazzo speciale e, in particolare, per ricordare i suoi occhi sempre attenti a osservare il prossimo e a non essere indifferente. “Gli occhi di Claudio” si occupa infatti del sostegno alimentare di famiglie in difficoltà e dei senza dimora. Prima dell’emergenza sanitaria, infatti, ogni domenica era attiva, in accordo con gli altri enti, presso la stazione di Caserta. Poi, le restrizioni anticovid hanno limitato gli spostamenti. Il numero delle richieste di aiuto è triplicato e il lavoro non ha fine come racconta Feliciana Iaccio, socia attiva sul territorio casertano: «L’incontro domenicale era un punto di contatto, un modo per essere presenti e per offrire supporto ai bisognosi».

E ancora spiega che «il volontariato è fonte di salvezza e aiuto concreto per i senza tetto. La stazione di Caserta era punto di snodo dove ogni domenica alle 19 i volontari erano pronti a distribuire non solo pasti caldi, coperte, e abbigliamento, ma anche di conforto agli invisibili».

L’associazione opera per il sociale grazie all’entusiasmo dei tanti volontari. Nel 2013 la presidente Tomasina Pinna ha ampliato il suo progetto finanziando la costruzione di un pozzo e di una scuola nel Burkina Faso, uno dei Paesi più poveri al mondo. «Ci innamorammo subito del posto e di quel magnifico popolo. Meno, però, fu l’amore che provammo per le difficoltà che i Burkinabé  dovevano affrontare ogni giorno», racconta Pasquale Lamagna. Poi aggiunge: «Per noi, abituati ad avere la possibilità di ottenere acqua potabile sempre e ovunque, è inaccettabile sapere che le donne e i bambini debbano percorrere 10 km a piedi per portare a casa una tanica di acqua stagnante. Così ogni anno tanti nostri  progetti sono dedicati al popolo del Burkina Faso». L’associazione guarda al futuro con speranza e voglia di essere presente sul territorio casertano porgendo la mano, offrendo assistenza e attenzione a coloro che il più delle volte non si sentono degnamente considerati.

About author

Alessandra D’Alessandro
Alessandra D’Alessandro 21 posts

Alessandra D'alessandro - Studentessa presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, facoltà di Lettere indirizzo linguaggi dei media. Ha frequentato il liceo classico Giannone a Caserta. Ha conseguito certificazioni di lingua inglese presso Trinity College London. Attualmente collabora nell’azienda familiare occupandosi di social media, comunicazione e fashion buying. Interesse spiccato per il mondo della moda, il giornalismo, la comunicazione e la cultura olfattiva.

You might also like

Food

Castagne di Roccamonfina, chiesto riconoscimento IGP

Claudio Sacco -E’ stata presentata, presso la sede dell’Assessorato agricoltura della Regione Campania, la domanda di registrazione dell’Indicazione Geografica Protetta “Castagna di Roccamonfina”. La stessa documentazione è stata contestualmente inviata

Attualità

Amministrative 2016. Zinzi: Ad Aversa risultato straordinario

“Complimenti al neo sindaco Enrico de Cristofaro e alla sua squadra, ora avranno il compito di amministrare una città tanto bella quanto complessa come Aversa. Questa vittoria è un segnale

Stile

We Love Party Looks alla Reggia Designer Outlet. Special guest Enzo Miccio

Sabato 14 maggio, dalle 16.00, a La Reggia Designer Outlet appuntamento con “We Love Party Looks” e la special guest Enzo Miccio, impegnato nelle sue lezioni di stile. L’event planner

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply