I Borbone e la devozione per l’Immacolata, da Napoli a Capua

I Borbone e la devozione per l’Immacolata, da Napoli a Capua

Luigi Fusco

– Il senso di devozione e di rispetto per ogni forma di sacralità cristiana provato dai Borbone rispondeva a una precisa scala gerarchia, cui afferivano diverse figure di santi familiari o di patroni della capitale partenopea. In cima a questa piramide, oltre la Trinità, un posto di rilievo avevano attribuito all’Immacolata Concezione, ancor prima che il suo dogma venisse approvato, nel 1854, da Papa Pio IX.

Presso la corte reale, all’epoca di re Carlo, la promozione di questo singolare culto mariano era stata fortemente sostenuta da padre Pepe, noto gesuita napoletano, che aveva, oltretutto, l’abitudine di dispensare a chiunque i suoi caratteristici bigliettini dell’Immacolata.

Con il passar del tempo, tutti i capi della famiglia reale si sono impegnati nella committenza di edifici sacri, guglie e opere d’arte da dedicare alla Madonna Immacolata, la cui realizzazione avveniva spesso a seguito di una grazia ricevuta. Fra gli esempi più notevoli ancora oggi visibili a Napoli ci sono il Palazzo dell’Immacolatella, in zona porto, e l’omonima Guglia in piazza del Gesù.

Con la restaurazione, invece, Ferdinando I proclamò l’Immacolata come Patrona Speciale del Regno delle Due Sicilie. Dopo qualche anno, a seguito del forzato soggiorno di Pio IX a Gaeta, dove fra l’altro maturò l’intenzione di avviare l’iter destinato alla consacrazione del dogma dell’Immacolata Concezione, l’attenzione dei Borbone verso questo culto si fece ancora più sentita. In particolare, Ferdinando II dopo esser scampato all’attentato provocato, nel 1856, dal mazziniano Agesilao Milano, fece erigere la Chiesa della Concezione, ancora oggi presente stante nel quartiere di Secondigliano; finanziò la costruzione della Colonna dell’Immacolata a Roma, mettendo, inoltre, fine alla lunga crisi della “Guerra della Chinea” che era stata inaugurata dal suo avo Carlo.

In territorio casertano, invece, lo stesso Ferdinando fece dono all’arcivescovo di Capua, Giuseppe Cosenza, di una scultura raffigurante la Vergine Immacolata, tuttora esposta all’interno della Cattedrale. Quest’opera, di ridotte dimensioni, è oggetto di particolare devozione da parte dei capuani, tanto che in suo onore si svolge ancora una vera e propria veglia che si conclude con un’apposita funzione religiosa, seguita da una processione per le strade del centro storico, la cui celebrazione avviene alle quattro del mattino.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6799 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Scrivere di cibo. Talks e laboratori a Città della Scienza

(Luigi D’Ambra) – Il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” fa tappa a Città della Scienza per la rassegna Scrivere di Cibo dal

Stile

Mostra Dinosauri. Le telecamere di UnoMattina a Caserta

Maria Beatrice Crisci -Le telecamere di UnoMattina Estate, hanno fatto tappa a Caserta. Ad incuriosire il giornalista Francesco Gasparri la mostra Living Dinosaurs in corso fino al prossimo 25 settembre

Attualità

Metti la salute in tavola! Si sta tutti seduti a parlare del cibo

Marcellino Monda * – Il sedersi a tavola è uno dei gesti più socializzanti che esistono. Tante dichiarazioni di amore si fanno durante un tête-à-tête a ristorante, le amicizie si consolidano

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply