I giovedì della Canonica, Nicola Melone racconta Fibonacci

I giovedì della Canonica, Nicola Melone racconta Fibonacci

Claudio Sacco

-Nuovo incontro per i «giovedì della Canonica». Nel rituale appuntamento della settimana sarà giovedì 18 novembre alle ore 17, “La Canonica”, presso la sua sede di Piazza Ruggiero n°1, per il suo quinto appuntamento ospita la conferenza del professore Nicola Melone sull’intrigante tema: “Leonardo Pisano detto il Fibonacci: la sua matematica, il suo tempo e la rinascita della Scienza in occidente”. Leonardo Pisano (Pisa, 1170-1242), detto Fibonacci perché filius Bonacci, figlio di Bonaccio, è considerato uno dei più grandi matematici di tutti i tempi e contribuì alla rinascita delle scienze esatte dopo la decadenza dell’età tardo-antica e dell’Alto Medioevo.

I dati della sua biografia sono scarsi e confusi ma è certo che trascorse alcuni anni nella zona di Bugia in Algeria insieme al padre Guglielmo dei Bonacci, facoltoso mercante pisano e rappresentante dei mercanti della Repubblica di Pisa in nord Africa. In questa città poté studiare i procedimenti aritmetici della cultura araba e apprese anche tecniche matematiche sconosciute in Occidente. Per perfezionare queste conoscenze Fibonacci viaggiò molto in Egitto, Siria, Sicilia, Grecia arrivando a Costantinopoli, alternando presumibilmente il commercio con gli studi matematici. Ritornato in Italia la Repubblica di Pisa gli assegnò un vitalizio che gli permise di dedicarsi completamente ai suoi studi diventando in breve tempo molto famoso, tanto che volle incontrarlo anche  l’imperatore Federico II, appassionato di matematica, con il quale si incontrò a Pisa, nell’estate del 1226. Fibonacci era detto “Bigollo”, epiteto che in passato si riteneva fosse offensivo, ma che in realtà significa “bilingue”, oppure “viaggiatore”. Al posto dei numeri romani, ancora in uso ai suoi tempi, Fibonacci introdusse i nove numeri da lui definite “indiani”, e il numero zero, che in latino era detto zephirus e che in veneziano divenne zevero dal quale il nostro attuale zero. L’uso delle cifre arabe era in ogni caso già conosciuto da alcuni dotti dell’epoca. Il primo caso del quale si ha notizia è stato quello del monaco Gerberto, poi papa dal 999 al 1003 col nome di Silvestro II, che propose l’uso di questo sistema in alcuni conventi in cui si scrivevano opere scientifiche, ma il metodo rimase sconosciuto nel mondo esterno.

Il prof. Nicola Melone, molto noto per essere stato Preside della Facoltà di Scienze della nuova università di Caserta, anche se chiamata impropriamente Seconda Università di Napoli, fa sapere che la sua non sarà una conferenza matematica, ma parlerà principalmente del ruolo fondamentale che l’opera di Fibonacci ha avuto nell’economia mercantile e nella cultura del suo tempo: una cultura matematica non accademica che, attraverso le scuole d’abaco, ha istruito mercanti, commercianti, tecnici e artisti, preparando il Rinascimento italiano e la rinascita della scienza nell’Occidente europeo. Ma, in chiusura della conferenza, non potrà non parlare della sequenza e della spirale di Fibonacci, che hanno reso famoso il suo nome al di fuori della matematica, perché rappresenta la linea di congiunzione tra matematica e natura, il punto di incontro tra la suprema armonia del cosmo e il modello che lo rappresenta.

 Si ricorda che l’accesso alla conferenza, come da norme vigenti, è consentito alle persone munite di “green pass” fino all’esaurimento dei posti disponibili, la cui assegnazione rispetta l’ordine di arrivo e le norme di distanziamento. Per garantirsi un posto, perciò, è raccomandabile effettuare una prenotazione inviando una e-mail all’indirizzo: antonio.malorni@cnr.it .

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8815 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Palazzo Firrao, nel Teatro di Cortile le parole di Michele Serra

-Saranno le parole di Michele Serra a inaugurare la terza settimana di Teatro di Cortile 2021 nel suggestivo palcoscenico di Palazzo Firrao Napoli, rassegna ideata e organizzata dal Teatro Pubblico Campano che

Primo piano 0 Comments

Da “Aranciomare” alla Terra Somnia, dove approderà il libro?

– Martedì 15 giugno “Aranciomare”, il nuovo romanzo di AntonellaPalmieri sarà presentato alle 18,30 nel cortile del ristorante vegetariano Terra, in via Tanucci 53 a Caserta. L’iniziativa è diTerra Somnia

Cultura 0 Comments

Giffoni Film Festival. Il sound campano protagonista dell’edizione 2016

Batterà al ritmo del top del sound campano l’Experience che i ragazzi vivranno nel corso della 46esima edizione del Giffoni Film Festival. Per l’edizione 2016 è stato scelto il made

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply