Il canto della poesia, Gianni Gallo protagonista da Amico Bio

Il canto della poesia, Gianni Gallo protagonista da Amico Bio

Maria Beatrice Crisci

orfeo (1) Il Festival della Letteratura “La memoria degli elefanti” torna all’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere. La manifestazione, alla quarta edizione, è nata nel 2015 da un’idea di Arena Spartacus Amico Bio, il primo ristorante biologico al mondo in un sito archeologico. “I am Spartacus: eroi, valorosi e valori” è il tema conduttore del Festival. La frase viene pronunciata dai gladiatori vinti e destinati al supplizio nella celebre pellicola del 1960 di Stanley Kubrick dedicata al leggendario schiavo tracio che proprio nell’anfiteatro dell’antica Capua, l’attuale Santa Maria Capua Vetere, diede inizio a quella che è considerata la prima rivoluzione della storia.

“La memoria degli elefanti” proporrà giovedì 15 novembre alle ore 20,30 “Il canto della poesia. Da Pablo Neruda a Federico Garcia Lorca”, spettacolo teatrale di Gianni Gallo con Andrea Giuntini al pianoforte. La serata dedicata alla scrittura in versi, che non sarà un semplice reading di poesie, avrà come protagonisti Neruda e Garcia Lorca, due poeti legati dalla lingua ispanica, ma soprattutto dal loro fervore e dalle drammatiche vicende politiche. Lo spettacolo sarà arricchito dai versi di altri grandi autori, come Alda Merini, Dino Campana, Léo Ferré, Vladimir Majakovskij e Giacomo Leopardi.

Scrive Gianni Gallo nella presentazione dello spettacolo: «Neruda, con la sua dolcezza e la sua irruenza, a volte rabbiosa, sfonda quella parete che ci separa dall’Es, dalla Natura, e fa sì che non pochi eletti, ma solo una parte eletta di noi possa accedere alla Poesia. Quella parte in cui sono bandite le regole e i luoghi comuni, Garcia Lorca, il poeta del “Duende”, nel “Llanto por Ignacio Sánchez Mejías”, meglio conosciuto come “Alle cinque della sera”, esprime tutto il suo dolore e, con esso, l’amore per l’amico poeta-torero che muore incornato dal toro ai fianchi nella sua ultima discesa nell’arena. Il poeta Federico Garcia Lorca è ispirato da una particolare passione, il Duende che nasce da un vento mentale, da un potere misterioso, uno spirito occulto, un Demone che “ama l’orlo dei pozzi, brucia il sangue, rompe gli stili”. La poesia è indefinibile. rompendo la gabbia dei significati, può essere più eversiva di una rivolta armata, perché dura più a lungo e sedimenta nelle coscienze e nell’immaginazione collettiva».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6657 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Hic sunt leones, i ludi romani di caccia all’Anfiteatro Campano

Luigi Fusco – Secondo al Colosseo per la sua grandezza, ma non per gli spettacoli che vi allestivano, è stato, nel mondo romano, l’Anfiteatro Campano. Innalzata all’epoca di Adriano e

Cultura

Carlo di Borbone, il grande re che si portò Napoli nel cuore

(Mario Caldara) – Se si parla di Carlo di Borbone, si parla inevitabilmente di un pezzo di storia napoletana importantissimo, se non fondamentale. Quell’epoca ha rappresentato un ponte tra la

Primo piano

Tumore al seno, una maratona per la ricerca e la prevenzione

Luigi D’Ambra – La prevenzione innanzitutto. E’ questo l’obiettivo che si propone la terza edizione della Telesia Half Marathon, mezza maratona di 21 km e la prima edizione della Telesia

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply