Il carciofo, quello splendido fiore dal colore viola che non ti aspetti

Il carciofo, quello splendido fiore dal colore viola che non ti aspetti

Regina della Torre

– Non è una verdura, bensì un fiore, un bellissimo fiore che se lasciato sbocciare è capace di lasciare a bocca aperta chiunque ami il colore viola.

L’origine di questa pianta è antichissima, tipicamente mediterranea era già conosciuta agli egizi che al tempo di Tolomeo Everegete, re dell’Egitto dal 246 al 221 a.C., lo faceva mangiare ai soldati per renderli più forti e coraggiosi; in Italia arrivò grazie agli etruschi, nell’anno mille gli arabi lo portarono dalla Sicilia alla Spagna mentre nel 1466 Filippo Strozzi lo portò da Napoli a Firenze mentre Caterina de’ Medici, golosa dei cuori di carciofo, lo esportò fino in Francia quando sposò il re Enrico II.

Galeno lo raccomandava ai suoi pazienti come diuretico e rilassante, Decio Bruno Columella, lo scrittore che redisse il trattato De re rustica, dodici volumi che rappresentano la maggiore fonte di conoscenza sull’agricoltura romana, lo considerava caro a Bacco e ne presenta il suo utilizzo sia nella cucina romana che come pianta medicinale.

Plinio il Vecchio nella sua opera Naturalis Historia, lo elogia come un depuratore e tonificante ma anche come afrodisiaco e cura efficace contro le calvizie; anche Teofrasto nella sua Storia delle piante ed Esiodo in Opere e giorni ne parlano come una pianta dalle mille virtù.

La Framboisière, il medico personale di Luigi XIII, scriveva: “I carciofi scaldano il sangue e spronano in modo naturale al gioco amoroso di Venere, sono buoni per lo stomaco e fanno venire appetito, sono tanto apprezzati per la loro bontà che non si combina un sontuoso banchetto senza carciofi”. In Inghilterra il carciofo arrivò grazie agli olandesi, se ne hanno testimonianze presso l’orto di Enrico VIII, nel Newhall, risalenti al 1530. Solo nel secolo XVIII questa pianta arrivò fino in America grazie ai coloni spagnoli. Il suo nome, Cynara scolymus, che deriva dall’arabo خرشوف‎ (Al-Kharsuf) che significa spina di terra o pianta che punge, lo si deve ad una leggenda greca che vede una ninfa trasformata in questo fiore dal dio Zeus.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9773 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Food

Il Premio Volturno al caseificio Ponticorvo, 50 anni di storia

Regina Della Torre – È dedicato al Dio Volturno il premio istituito nel 2015 dall’Associazione Stampa della Provincia di Caserta. Consiste in una scultura o targa riproducente l’immagine della divinità fluviale conservata nel

Arte

Ttozoi, Genius Loci. Muffe su tela, a novembre a Caserta

Maria Beatrice Crisci –  L’innovativo progetto artistico del duo Ttozoi – “Genius Loci”, patrocinato dal Mibact, sarà presentato domani martedì 31 ottobre alle 11 presso Palazzo Massimo alle Terme, Largo Villa Peretti

Primo piano

Il calcio, tra letteratura e linguistica. De Core alla Parthenope

Pietro Battarra -Metafora di vita, oppio dei popoli, «roidesjeux» secondo Jean Giraudoux, il calcio intrattiene con la letteratura una relazione intima e antica. Ricordiamo che Ronsard amava giocare a «soule»,