Il Manzoni incanta Siracusa al Festival Internazionale del teatro Classico dei Giovani

Il Manzoni incanta Siracusa al Festival Internazionale del teatro Classico dei Giovani

Quando la cavea del teatro greco di Palazzolo Acreide, scenario dell’ultima edizione del Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani targato Istituto Nazionale Dramma Antico, dopo aver interrotto più volte l’esibizione con applausi a scena aperta, decide di alzarsi in piedi e tributare una lunga e sostenuta ovazione ai ragazzi del Manzoni, l’emozione tira brutti scherzi. A salutare i “giovani attori manzoniani” diretti da Massimo Santoro, la standing ovationsincera e spontanea di allievi e docenti delle altre scuole uniti, nelle giornate siciliane, da un lungo e appassionato afflato che, solo tra quelle antiche e nobili testimonianze, si respira e che i vertici dell’Inda trasmettono con immutata passione e preparazione. In diretta sui Social anche tanti Casertani, estimatori convinti da sempre di questo originale e prestigioso format culturale. E tra i tanti spettatori, Galatea Ranzi, protagonista la sera precedente di una straordinaria Alcesti al Teatro Greco di Siracusa, insieme ad altri componenti lo staff della preziosa soiree teatrale: dopo lo spettacolo, l’attrice si è fermata a complimentarsi con i ragazzi e i responsabili del Laboratorio, dalla cui voce ha voluto conoscere la storia e la modalità operativa e didattica del progetto teatrale, condividendone appieno i risultati. Ad accompagnare lo staff del Laboratorio, oltre ai docenti tutti, la Preside Adele Vairo, ancora una volta fiera ed orgogliosa di aver puntato su un’azione culturale ed educativa che è unica nella sua specie, per storia e tradizione: sono infatti sette anni di vita e di successi quelli segnati dalla linea teatrale intrapresa dal Manzoni nella nostra città e “Il Liceo Manzoni, – sottolinea la Preside – oltre a rivendicare una indiscutibile primogenitura, si offre da esempio virtuoso e promuove una delle più innovative best practices didattiche ed educative, da molti , oggi, replicate”. L’idea del “Processo a Medea”, l’opera creata da Almerinda Della Selva,fondendo Euripide, Apollonio la lirica greca arcaica e la propria immaginazione, è nata sul finire dello scorso anno, quando grazie al contributo dei Magistrati Andrea Della Selva e Giuseppina Casella e degli avvocati Camillo Irace e Gennaro Iannotti, nell’Aula Magna del Manzoni di Caserta viene “celebrato” il processo all’inquietante personaggio del mito, in occasione della Notte Bianca dei Licei Classici. Il riscontro è talmente sotto gli occhi di tutti che, mentre si decide di farne una vera e propria pieceteatrale, il Manzoni viene ulteriormente invitato dai vertici della Facoltà di Giurisprudenza della SUN a ripetere nella sede universitaria quanto già rappresentato presso i locali della scuola: all’ avvocato Iannotti si affianca Alfonso Quarto.   Ed è un altro successo. Si arriva così al Festival siciliano del 2016. Ma l’eco di quanto realizzato non è destinato a spegnersi. Il Delegato di Produzione dell’Inda al Festival, il dott.Sebastiano Aglianò, anima ed artefice delle giornate di teatro a Palazzolo Acreide, dichiara: “La bellezza del lavoro presentato dal Manzoni di Caserta, scuola Fuoco di Prometeo e ambasciatore dell’Inda in Campania, è stata tale per cui l’Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa affida al ‘Processo a Medea’ del Liceo Manzoni di Caserta la cerimonia di inaugurazione della XXIII edizione del Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani del 2017”.

Attesissima a Caserta la performance del Laboratorio di rientro da Siracusa.

Oltre agli straordinari interpreti del lavoro, vanno ricordati i costumi curati da Titti Farina con la collaborazione di Maria de Stefano e realizzati dal Laboratorio“Moda in Danza”le scenografie di Carmine Posillipo, le musiche composte da Mario del Treppo e arrangiate da Massimo Santoro.Importante il contributo offerto da Gianluca Ariemma, ex-allievo del Manzoni e dell’Accademia dell’INDA, come Assistente alla Regia. Responsabile tecnico del Laboratorio, Eduardo del Prete; infine, organizzatore, nonché anima del Laboratorio, Emilio Colucci.
Fonte: Comunicato stampa

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8724 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Liceo Fermi Aversa, concluso il progetto con la Parthenope

Pietro Battarra -Un partenariato duraturo e proficuo quello tra il Liceo Scientifico Fermi di Aversa guidato dalla sapiente mano di Adriana Mincione e il Dipartimento di Studi Economici e Giuridici

Cultura 0 Comments

Mi ami? No, ti voglio bene. L’amara storia della friendzone

(Marina Niceforo*) – In principio fu il personaggio di Joey, in un episodio del 1994 della serie tv Friends, a utilizzare per primo l’espressione “essere nella friendzone” nel tentativo di

Daniela Morante, un’opera racconta la sua storia. Alla Dirarte

Regina della Torre – Sabato 9 giugno, è Daniela Morante la protagonista alle ore 20 del secondo incontro di My Work Tells My Story, ovvero Mi racconto in un’opera. Il ciclo di sette

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply