Il Natale di Napoli, la città fu fondata nel giorno del solstizio

Il Natale di Napoli, la città fu fondata nel giorno del solstizio

Luigi Fusco

2495 anni fa nasceva la città di Napoli. Il 21 dicembre del 475 a.C., stando alle fonti tramandate, venne fondata Neapolis: la nuova città. Voluta da una colonia greca, già insediata a Cuma, questo nuovo sito sorse per soppiantare l’antico nucleo abitativo di Partenope, il cui toponimo venne poi trasformato in Palepolis, cioè la vecchia città. Il suo impianto urbano, ravvisabile ancora nell’attuale centro storico di Napoli, venne realizzato seguendo lo schema ortogonale di tipo ippodameo. Entro le mura di difesa sorsero, nel tempo, edifici pubblici e privati, luoghi di culto, mercati e teatri. L’organizzazione politica e amministrativa ebbe un’impronta oligarchica secondo il modello ateniese. La popolazione di Neapolis era governata da magistrati ed era suddivisa in fratrie. Queste erano dei veri e propri raggruppamenti, costituiti probabilmente da membri derivanti da un medesimo gruppo familiare. Coltivavano gli stessi interessi religiosi, ma si differenziavano per caratteristiche etniche, sociali, culturali ed economiche. La vita cittadina, oltre i principali assi viari del nucleo urbano, si sviluppava attorno alle insule, aree dedicate alle attività politiche e commerciali, e all’interno dell’agorà. Vi erano, poi, spazi extraurbani con giardini e terre coltivate.

La scelta da parte dei greci di istituire la nuova città il 21 di dicembre, cioè il giorno più corto dell’anno, non fu per nulla casuale. Da attenti astrologi quali erano, attribuirono a questo fenomeno astronomico grande importanza, tanto da mitizzarlo nelle sue forme. Per loro, il solstizio d’inverno stava a rappresentare il sacrificio del re, ormai giunto alla vecchiaia, per lasciar spazio al nuovo e più giovane sovrano. Chiaramente si trattava di un’allusione relativa al passaggio dall’inverno alla futura bella stagione, cioè alla primavera, nell’attesa della rinascita dell’amore e della fertilità della terra. Per gli stessi greci, il solstizio era indicato anche come “porta degli Dei”. Un nuovo ingresso andava ad aprirsi nella neonata città, già resa mitica dalla precedente fondazione avvenuta sulle ceneri della sirena Partenope, fatta di luci e ombre, di luoghi misteriosi, i cui anfratti nascosti altro non sono che accessi al mondo di divinità ancestrali.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6904 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Food

A tutta birra! Dalla mozzarella DOP nasce la milk stout Bubala

Maria Beatrice Crisci – La Campania Felix ha risorse agroalimentari non ancora del tutto esplorate. E anche quando rappresentano un punto fermo dell’economia territoriale, come la mozzarella di bufala campana DOP

Primo piano

Bianca Imbembo, è lei la vera Lady bag. Il party targato Kilesa

Maria Beatrice Crisci   (ph Pino Attanasio)  – Le cupole delle chiese di Capua e i tetti dei palazzi storici hanno fatto da scenografia all’evento «Be stylish. Be precious» del brand

Primo piano

Bestemmia d’Amore, all’Anfiteatro con Avitabile e Delbono

Maria Beatrice Crisci -Non solo Reggia per questa strana estate. Palcoscenici architettonici e naturali a cielo aperto si propongono da sempre in Terra di Lavoro. E questa è l’occasione per

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply