Il Natale dopo il Natale! Gli ortodossi festeggiano il 7 gennaio

Il Natale dopo il Natale! Gli ortodossi festeggiano il 7 gennaio

Luigi Fusco

– Sembrerà strano, ma dopo l’Epifania tornerà a essere Natale; non per i cristiani fedeli della chiesa di Roma, bensì per gli ortodossi, cioè i credenti di nazionalità russa o ucraina, di cui esistono copiose comunità in tutta la Campania, così come nel resto d’Italia e del mondo.

Secondo il Calendario Giuliano, adottato dalla chiesa russa, la nascita di Gesù non cade il 25 di dicembre, ma il 7 di gennaio e con essa hanno inizio anche le corrispondenti festività che si concludono, poi, il 13 dello stesso mese.

Per i russi il Natale è la “Nascita di Cristo” e la sua celebrazione è ritornata in essere dopo la caduta dell’Unione Sovietica. Durante il lungo periodo di regime comunista, tale festività assunse una dimensione fortemente laica. Ai russi, nonostante le celebrazioni del Natale risalissero al X secolo, era possibile soltanto addobbare il proprio albero e al massimo assistere alle funzioni religiose previste per l’occasione.

I tantissimi immigrati dei paesi dell’Est che attualmente vivono in Terra di Lavoro ancora rispettano i tradizionali usi e i costumi dell’ortodossa solennità natalizia e, al riguardo, osservano tutti i precetti inclusi nei vari rituali: sia quelli sacri che quelli enogastronomici.

Le diocesi locali, già tempo fa, sono andate incontro alle esigenze spirituali dei cristiani dell’est Europa, prestando loro alcune parrocchie per farvi officiare le messe secondo il proprio rito.

A Caserta, ad esempio, i loro incontri si hanno presso la Chiesa di San Giovanni, posta affianco alla Cattedrale, mentre a Capua le loro funzioni si svolgono all’interno del medievale sacello di San Marcello. All’occorrenza, tali luoghi di culto vengono dotati di apposite iconostasi e di altri particolari apparati liturgici.

La loro tradizione natalizia prevede, inoltre, che nei quaranta giorni che precedono la Natività si osservi un periodo di digiuno dalle pietanze a base di carne o latte. L’astinenza totale viene, invece, rispettata nel giorno della vigilia. Contestualmente, in chiesa ha luogo la “processione della Croce”, durante la quale i sacerdoti e i fedeli portano in giro una candela intonando canti natalizi. Per il pranzo del giorno di festa si preparano, poi, ben 12 portate, riferite al numero degli apostoli, e il brindisi è tenuto dal capofamiglia che pronuncia le parole “Cristo è nato”, cui i commensali rispondono “Glorifichiamo”.

Luigi Fusco – Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7013 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Arte

Cracking Art alla Reggia. L’articolo sulla rivista AD

(Enzo Battarra) – La rivista è di quelle veramente prestigiose. Con il titolo “Cracking Art invade la Reggia di Caserta” il periodico AD, ovvero “Architectural Digest. Le più belle case

Primo piano

Cyberbullismo, quando le insidie si nascondono nella Rete

Interessante iniziativa al “Terra di Lavoro”. Nell’ambito della prevenzione e contrasto dei fenomeni di cyberbullismosi è svolto nell’aula magna dell’istituto Terra di Lavoro un incontro formativo, curato dalla professoressa Maria

Spettacolo

Pippo Infante al Cts, un comico del Regno di Napoli a Caserta

(Maria Beatrice Crisci) – E’ un doppio appuntamento quello che viene proposto il prossimo fine settimana al Piccolo Teatro Cts di Caserta in via Louis Pasteur 6, zona Centurano. Si parte

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply